Torino-Sassuolo, le pagelle: Belotti prima sbaglia il rigore e poi con una doppietta e l’aiuto di Zaza va a prendersi i tre punti

12.05.2019 14:46 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
© foto di www.imagephotoagency.it
Torino-Sassuolo, le pagelle: Belotti prima sbaglia il rigore e poi con una doppietta e l’aiuto di Zaza va a prendersi i tre punti

Sirigu: 6,5 - Non ha colpe in occasione del gol di Bourabia, che angola bene e anche sulla ribattuta di Lirola. Il resto è ordinaria amministrazione.

Izzo: 6,5 - Armandinho non solo sa fare bene il suo mestiere di difensore, ma prova anche a segnare solo che Consigli a mano aperta gli dice di no (31’).  

N’Koulou: 6 - Elegante, preciso e puntuale. Peccato si faccia beffare da Boga in occasione del gol di Lirola, e sia un po’ irruento in qualche occasione.

Moretti: 6 - La solita garanzia condita da grande esperienza, ma anche lui non riesce a contenere Boga che arriva al tiro, respinto da Sirigu e poi insaccato da Lirola.   

De Silvestri: 7 - Stantuffa su e giù sulla sua corsia, e se fosse riuscito anche a indirizzare meno sul portiere del Sassuolo il colpo di testa (13’) la sua prova avrebbe meritato un voto in più. La sua grinta è encomiabile, e nel finale chiede a gran voce, e a pugni chiusi, ancora più sostegno ai tifosi.

Meïté6,5 - Non c’è Rincon perché squalificato, ma lui è per fortuna in miglioramento rispetto al periodo buio. E non sono per la poca luce invernale. Non sarà ancora quello d’inizio stagione, ma con l’arrivo della primavera sembra rifiorito.   

Lukic6,5 - In mezzo al campo si districa bene fra gli avversari e dà precisione alla manovra (dal 49‘Zaza: 7 - Un po’ frenetico nel ricercare il gol, ma se non ci riesce in torsione (62’), tirando sul primo palo (65’), al volo di sinistro in spaccata (69’) e con la girata di testa (70’) si prende tutti gli applausi quando svetta su tutti e segna il gol del due a due (71’). Continui così.

Baselli6 - Nel primo tempo non sempre ha supportato la manovra come sa fare, meglio nella ripresa (dall'89‘ Bremer: n.g.)

Ansaldi6 - Dura troppo poco la gara dell’argentino, costretto a uscire per un problema muscolare la sua spinta a sinistra era stata preziosa. Peccato per il tiro fuori (16’) (dal 22‘ Falque: 6,5 Subito in partita e si vede cha ha superato l’infortunio che lo ha tenuto fuori per quarantadue giorni. Consigli gli nega la gioia del gol su un bel tiro di sinistro (35’). La sua è una prestazione più che sufficiente per il tanto lavoro che fa a servizio della squadra e mettendo in difficoltà gli avversari).

Berenguer6 - S’inventa delle buone giocate e fa tanto lavoro, ma non sempre è preciso.

Belotti: 7 - Pesa come un macigno l’errore nel calciare il rigore: solo potenza, l’angolazione non è quella giusta e la palla scheggia la parte alta della traversa e va in Maratona. Ci prova il “Gallo” a segnare, ma la sua mira non è precisa come quando da due passi con il destro intercetta la respinta di Consigli sul tiro di Falque e manda fuori (35’). A inizio ripresa non è fortunato quando in rovesciata trova il portiere neroverde attentissimo a non farsi sorprendere (47’) e questo lo rinfranca. Tolto il macigno risolve una mischia e da due passi segna il gol del pareggio (56’) e poi fa esplodere il Grande Torino scaraventando in rete il pallone del tre a due (82’).

Mazzarri: 7 - Deve fare a meno di Ansaldi dopo soli ventidue minuti e lo sostituisce con Falque per dare ancor maggior peso all’attacco e poi a inizio ripresa inserisce Zaza al posto di Lukic (49’) per sfruttare l’inferiorità numerica del Sassuolo e provare a ribaltare il risultato e ci riesce.     

SASSUOLO: Consigli 7, Demiral 6, Ferrari 6,5, Peluso 6, Lirola 7, Magnanelli 5, Duncan 6 (dal 79‘Locatelli: n.g.), Bourabia 5, Duricic 6 (dal 65‘Rogerio: 6), Sensi 6, Boga 6 (dal 72‘Babacar: 5,5)

De Zerbi: 5,5

Arbitro Giacomelli: 5,5 Su segnalazione del Var assegna il rigore al Torino per fallo di Magnanelli che in area aveva colpito il pallone con un braccio. Applica alla lettera il regolamento nell’ammonire Bourabia che ha esultato dopo il gol coprendosi il volto con la maglia, il francese di origini marocchine era già ammonito per un fallo su Izzo (12’) e di conseguenza l’ha espulso. Non sempre, però, è altrettanto fiscale sui falli.