Che fine ha fatto la buca di Maspero?

06.04.2011 13:44 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Sky
Che fine ha fatto la buca di Maspero?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Il nome di Ricky Maspero al Torino è diventato leggenda, grazie ad una buca, quella scavata sul punto del dischetto da rigore dove Salas doveva tirare un rigore in un derby. Il cileno mise la palla sulla "buca" e il tiro schizzò alle stelle, così il Torino di Camolese riuscì a portare a casa un 3-3 favoloso, considerando che alla fine del primo tempo i granata erano sotto per 3-0. Ma che fine ha fatto Riccardo Maspero da Lodi? Niente più calcio per lui, giocatore che invece avrebbe ancora molto da insegnare alle giovani leve, come la mitezza fuori dal campo, ma la grinta sul terreno di gioco, una buona tecnica e soprattutto la furbizia di saper cogliere il momento propizio.

Adesso Maspero è tornato in un certo senso nell'anonimato, uno degli uomini derby più acclamato della storia del Torino ha deciso di dedicarsi ai sistemi di protezione per chi lavora in alto, soprattutto sui tetti. La sua azienda realizza anche carrelli sollevatori per le moto, ma le attenzioni dell'ex fantasista di Fiorentina e Sampdoria predilige proprio la parte protettiva per chi lavora sollevato da terra con il rischio di cadere. Nobile scelta di chi è sempre stato un signore da giocatore.

Ricordando quel fanastico derby del 3-3, Maspero ammette: "E' un ricordo che mi emoziona ancora”. Ricordando l'episodio della buca, dice Maspero: "Forse è stato il momento più importante. Ho dato dei calci con la punta al dischetto e si è formata una buca. Salas non sapeva dove posizionare la palla, l’ha messa appena, appena sopra alla buca che avevo fatto. Così sono tornato vicino al dischetto ed ho scavato fino a quando il dischetto non fu disfatto del tutto”. Prendere in giro i bianconeri di un derby fa diventare eroi nel mondo granata, ma visto il lavoro che ha deciso di intraprendere, Maspero è un eroe anche adesso che ha deciso di dedicarsi ai lavoratori che rischiano la vita per mille euro, per evitare le troppe tragedie sul lavoro.