Osservatorio, un Torino in stile Barcellona

21.10.2011 11:48 di Marina Beccuti  articolo letto 3179 volte
Fonte: www.osservatoriocalcioitaliano.it
© foto di Image Sport
Osservatorio, un Torino in stile Barcellona

Il Torino guida la classifica dei cadetti con un vantaggio di sei punti sul duo Padova-Sassuolo e sette sul Pescara di Zeman. I granata, 26 punti in 10 giornate, detengono il primato di vittorie consecutive ottenute (5 delle quali 3 fuori casa e 2 all’Olimpico), imbattibilità (8 vittorie e 2 pareggi) e successi esterni (5 vittorie in altrettanti match disputati, 10 reti all’attivo e 4 goal subiti). La squadra allenata da Ventura ha realizzato 15 reti totali, 1/3 delle quali portano la firma di Rolando Bianchi. La difesa granata è la meno battuta del campionato: 5 goal subiti, 1 in casa e 4 in trasferta.

Nelle prime dieci giornate di campionato il Torino è la squadra ad aver confezionato il maggior possesso palla (27':24") a fronte di un’ottima fase di palleggio (558 giocate con una percentuale di passaggi riusciti del 65.8%). La compagine granata sviluppa una densità di gioco prevalentemente nella zona mediana del campo (45%) con un buon supporto fornito dalla linea difensiva (38%). Le sortite offensive privilegiano gli inserimenti centrali (43%) e il versante destro (34%) rispetto all’out sinistro (23%). In evidenza anche il dato riguardante la supremazia territoriale (09':40"). Fondamentale per il gioco del Torino risulta essere Iori. Il centrocampista (10 presenze, 3 ammonizioni) gioca mediamente 60 palloni per partita collezionando il 72.6% di passaggi riusciti, 14 giocate utili a favore dei suoi compagni e realizzando 18 recuperi sugli avversari. Numeri questi che gli consentono di totalizzare un Indice di Valutazione Giocatore pari a 20.8, quarto miglior dato tra i centrocampisti cadetti.

Lo rileva il Report n. 68/2011 elaborato dall’Osservatorio Calcio Italiano - website monitoring della manifestazioni calcistiche in Italia.

Il Torino totalizza in media 15 conclusioni a rete per partita (secondo solo al dato di 15.3 del duo Pescara-Reggina). Quasi 1/3 dei tiri realizzati sono indirizzati nello specchio della porta avversaria. In totale i granata collezionano una percentuale di pericolosità arrecata alle retroguardie affrontate del 51.7%. Protagonista della manovra offensiva è Rolando Bianchi; il bomber granata (10 presenze per 711 minuti in campo e 5 reti) è il giocatore che veicola il maggior numero di palloni in fase d’attacco: 32 a partita, nel 56.9% dei casi in appoggio a favore dei suoi compagni di squadra e tentando la conclusione a rete nel 15.6% delle azioni. Il numero 9 totalizza un Indice di Valutazione Giocatore pari a 21.3, tra i primi cinque nel suo ruolo dell’intera serie cadetta.

La buona tenuta atletica della compagine granata emerge anche dal dato riguardante la frazione di gioco più propizia del Torino, dal 31’ al 45’ del secondo tempo, durante il quale i granata hanno realizzato il 40% delle marcature. Nessuna rete siglata, invece, nel primo quarto d’ora di gioco.