Toro in cerca di autore. Non crolla ma i punti non arrivano

01.07.2020 06:02 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Toro in cerca di autore. Non crolla ma i punti non arrivano

C'è praticamente solo Belotti a tenere in piedi la sua squadra, un altro gol segnato, su rigore, che questa volta non sbaglia, e lo porta a 12 segnature fin qui in stagione. E anche Sirigu, che nel primo tempo ha avuto qualche sbavatura, poi si è ripreso alla grande nella ripresa. E dire che questa Lazio non era così trascendentale come sarebbe stata quella che avevamo visto prima del lockdown. Addirittura è stato persino più forte il Cagliari, ma ci sono alcuni elementi che fanno la differenza, come Luis Alberto, autore di una grande prova, che possiamo considerare speciale, anche per la sua bravura tecnica e visione di gioco totale.

Il Torino è stato, per così dire, tradito da due giocatori in particolare, Ansaldi, che è entrato ma non ha inciso come ci si aspettava e come era successo a Cagliari, e soprattutto Verdi, un'altra volta inguardabile. Meglio è andato Meitè e anche la difesa può essere giudicata sufficiente, considerando chi avevano davanti da domare, con Immobile che ha nuovamente segnato. E qui fischiano le orecchie a chi ha fatto tante plusvalenze negli anni, privando la squadra di giocatori di altissimo valore, come appunto Ciruzzo, un attaccante mostruoso che, insieme a Belotti, avrebbero fatto sfracelli. Verdi è un flop, può anche riprendersi, imporre la sua tecnica, sicuramente buona, ma è la personalità a mancare, un attaccante timido non esiste, può giocare a medi livelli, può fare il vice a qualcuno, nulla più.

Il Toro rischia? Sicuro, perchè anche se Longo vuole giocare con il coltello tra i denti al derby, la forza della Juve è superiore anche alla buona volontà del vecchio cuore granata.