Vives: "Il Torino non merita di stare nei bassifondi"

Vives ha anche sottolineato che spera che la Juve non arrivi nelle prime quattro.
26.04.2021 16:42 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Fonte: Calciomercato.com
Vives: "Il Torino non merita di stare nei bassifondi"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Giuseppe Vives è stato un altro napoletano di successo al Torino e, per Radio Marte, ha parlato della partita di questa sera, ore 18,30, contro il Napoli.

Vives ha sottolineato quanto fa male vedere il Toro in questa situazione: "Sicuramente qualcosa non è andata bene, non ha la squadra per stare così giù. Spero con tutto il cuore che riesca a salvarsi, il Torino non merita di stare nei bassifondi. Questo campionato è atipico, manca il sostegno dei tifosi. Sicuramente è mancato qualcosa anche in questo senso. Però c’è da capire cosa è stato sbagliato".

Sul Napoli, squadra per la quale tifa, ha aggiunto: "I tanti infortuni hanno influito sulla stagione, ha un reparto offensivo di grandissimo livello. Da tifoso del Napoli mi auguro che possa arrivare tra le prime quattro".

Vives vedrebbe bene anche Andrea Belotti con la maglia azzurra: "Ho giocato con lui. E' un grandissimo giocatore, mi sarebbe piaciuto vederlo con la maglia azzurra. So il trascinatore che può essere, a Napoli si esalterebbe. Speriamo che ci sia la possibilità di vederlo con questa maglia. Lo sento ogni tanto ma non gli ho mai chiesto se ci fosse la possibilità di venire al Napoli o meno".

Da buon ex granata ha detto a proposito della classifica: "L'Inter è ovviamente primo, l'Atalanta è in un momento magico e penso che arriverà seconda. Spero che esca fuori dalle prime quattro la Juventus. Il Milan è un po’ in discesa però mi auguro se la giochino loro per il quarto posto e che il Napoli possa arrivare terzo".

A proposito della salvezza. Vives ha commentato: "Il Benevento rischia molto, ed è un peccato, ma ha il calendario più difficile. Speriamo che faccia qualche colpo a sorpresa conquistando punti che dovrebbe lasciare. Perché sarebbe davvero un peccato”.