Luca Bucci:"Voglio tornare a giocare"

08.01.2009 12:25 di Raffaella Bon   vedi letture
Luca Bucci:"Voglio tornare a giocare"
TUTTOmercatoWEB.com

Luca Bucci sogna di tornare a calcare i campi di serie A. L’esperto portiere ha concluso la sua avventura con il Parma dopo la sconfitta contro l’Inter nell’ultima gara dello scorso campionato, che e' costata la retrocessione ai ducali. Ma Bucci non ha mai tagliato definitivamente i rapporti con Parma e con il calcio. Tutt’ora si allena con la Primavera gialloblu' ed ecco che il suo nome e' tornato di moda. La Roma e', infatti, alla ricerca di un portiere affidabile da affiancare a Doni: tra i nomi caldi, oltre a quello del palermitano Fontana, c’e' proprio quello di Bucci.. Luca Bucci è stato contattato da Romagiallorossa.com

“La Roma non l’ho sentita, e nemmeno per adesso il mio agente Stefano Guercini. Inutile dire che l’interessamento della Roma mi fa piacere, non lo nascondo. Per me andare alla Roma sarebbe una soluzione eccezionale, è una squadra che ogni giocatore sogna. Inutile dire che sono in una condizione particolare, ma non per questo sarei onorato di farne parte. Io intanto mi sto allenando da luglio con il mio preparatore atletico Ermes Fulgoni che ha scoperto anche Buffon. Ma un paio di volte alla settimana mi alleno con la Primavera del Parma e per questo ringrazio Il presidente Ghirardi. Questo mi dà la possibilità di avere il ritmo partita, e di provare tiri in porta. Inoltre è un momento particolare ed importante, perché c’è sempre da imparare dai giovani, il loro entusiasmo è importante e magari anch’io do qualche suggerimento a loro prezioso, mi fa sentire utile. Stando con i ragazzi riscopri l’amore per questo sport bellissimo. Anche se negli ultimi anni sento di averlo ritrovato. A me non interessa giocare la partita o prendere un ingaggio alto, io gioco per il gusto di farlo. Giocare per me è la quotidianità di allenarsi, dò la priorità a questo”
Bello vedere un giocatore che nonostante una carriera importante e le sue quasi 300 presenze in A, non ha perso il gusto di quello che è ancora lo sport calcio solo per sé stesso. La sua umiltà lo fa essere un professionista serio che a dire il vero in questo mondo rappresenta la vera eccezione.