Europa o meno, la squadra va rinforzata e il mercato incombe: ecco gli scenari in casa granata

08.05.2019 14:59 di Alex Bembi   Vedi letture
© foto di Diego Fornero/Torinogranata.it
Europa o meno, la squadra va rinforzata e il mercato incombe: ecco gli scenari in casa granata

Una coppa ancora da guadagnare, ma una rosa da rinforzare in ogni caso. Il Toro non sa ancora se disputerà le coppe europee la prossima stagione, ma il mercato incombe e vanno già imbastite le prime trattative. Perchè la rosa andrà rinforzata sia per non sfigurare su eventuali e sperati palcoscenici internazionali, sia per tentare un nuovo assalto ai suddetti palcoscenici. 

La priorità è Pereyra, ma non solo. Per la prossima stagione serviranno 4 o 5 rinforzi, come finisca il campionato è uguale. Ci sono solo tre esterni e il gioco di Mazzarri li usura tantissimo, quindi priorità a un terzino, meglio se mancino. Moretti probabilmente verrà confermato e Djidji riscattato, ma si cerca ancora un centrale difensivo per il centrosinistra. Magari una giovane scommessa. In mezzo al campo servono due uomini, ma come scritto in precedenza la priorità in casa Toro è un giocatore offensivo che illumini un gioco spesso troppo prevedibile durante questo anno e mezzo "mazzarriano" (Pereyra). Poi la questione attacco. Da risolvere l'equivoco Falque che ha si giocato una buona stagione, ma al di sotto delle precedenti, complice una posizione di campo non troppo congeniale. Ma se lo spagnolo non ha mai fatto storie e obbedito a tutte le richieste da diligente soldato, la vera grana da sbrogliare riguarda Simone Zaza: aspettarlo o sostituirlo? 

Vanno poi difesi i big. Sirigu, Nkoulou, Izzo, Baselli, Belotti. Ragazzi che hanno disputato una stagione eccellente e fanno gola a molti club, ma il Toro per crescere deve trattenerli. L'Europa sarebbe un fattore determinante, ma serve anche un piano B: magari adeguamenti di contratto e bonus per non disperdere gli elementi che formano la spina dorsale della squadra.

L'ambiente è concentrato per il finale di stagione, mai così importante negli ultimi anni. Osservatori e DS però si dovrebbero muovere già proiettati al futuro, come deve essere. Sapere con certezza chi si occuperà del calciomercato granata, aiuterebbe. L'invito a scegliere in fretta l'uomo mercato è tutto per il Presidente Cairo, al finale di stagione ci penseranno Mazzarri e i giocatori che finora se la sono cavata egregiamente.