Di Battista: "Cairo editore puro"

11.09.2018 15:48 di Marina Beccuti Twitter:   articolo letto 6168 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Di Battista: "Cairo editore puro"

L'ex parlamentare del M5S Alessandro Di Battista ieri è stato ospite della trasmissione condotta da Lilli Gruber, Otto e mezzo, su La7. Le sue parole sono state riportate da molti tg nazionali, tra cui quelli della Rai, riguardo ai 49 milioni che la Lega avrebbe distratto dai suoi conti e che Di Battista ha ribattuto che vanno restituiti. Ma, raccontata così, come una provocazione da parte dell'esponente pentastellato, tende ad alterare il senso e il contesto delle dichiarazioni stesse. Come se l'esponente del M5S abbia voluto fare una sparata apposta per dividere la maggioranza, invece fa parte di una lunga intervista concessa alla Gruber dal Guatemala, dove sta lavorando attualmente l'ex parlamentare, che ha risposto ad una domanda ben precisa.

Di Battista, che non manca mai di criticare il sistema giornalistico italiano, ha anche voluto sottolineare che La7 ha un "editore puro", ovvero che fa solo questo di mestiere, Urbano Cairo, rispetto ad altri editori che hanno molti altri interessi, come Caltagirone, per esempio, che fa anche il costruttore edile.

Cairo da tempo chiede di avere una parte dei soldi dell'abbonamento Rai, considerando che la sua tv fa servizio pubblico (vero, perchè buona parte del suo palinsesto riguarda dibattiti politici e approfondimenti) e i suoi programmi iniziano a fare concorrenza a certe trasmissioni Rai, a volte anche superando l'audience.

Ovvio, nessun accenno a quell'editore puro, meglio puntare su una frase ad effetto per mettere in discussione il Governo, piuttosto che far riflettere sul ruolo dell'informazione in Italia...