Addio D'Ambrosio, le cause: mancato rinnovo e scarso feeling con Ventura

27.05.2013 11:30 di Luca Ghiano   vedi letture
Fonte: La Stampa
Addio D'Ambrosio, le cause: mancato rinnovo e scarso feeling con Ventura
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Dopo l'addio di Rolando Bianchi, ultima vera bandiera granata, e l'ormai sempre più probabile partenza di Ogbonna i tifosi del Torino avevano individuato in Danilo D'Ambrosio il giusto erede per la fascia da capitano. Purtroppo per il popolo granata il futuro capitano non sarà neanche D'Ambrosio destinato a lasciare il Toro in questa finestra di mercato estivo. Le cause principali di un insperato addio sono due: il mancato rinnovo contrattuale e lo scarso feeling con Giampiero Ventura. In questi due anni di Ventura sulla panchina del Toro tra l'allenatore granata e il terzino non è mai sbocciato l'amore complici anche alcune scelte tecniche discutibili. Invece il rinnovo del contratto in scadenza nel giugno 2014 fino allo scorso aprile sembrava una semplice formalità poi però la trattativa tra l'entourage del terzino e la società granata si è arenata ancor prima di iniziare. L'agente del giocatore Luca Dell'Amico ha parlato della situazione tra il suo assistito e la dirigenza del Torino: "Con grande rammarico Danilo ha chiesto al presidente Cairo di essere ceduto. Non abbiamo trovato un accordo sul rinnovo perchè non c'è stato il modo di confrontarci direttamente con la società. Avevamo fatto un'offerta e aspettavamo una contro proposta ma da quasi un mese non sento nessuno. Volevo far capire alla dirigenza l'importanza del giocatore, ma evidentemente non serve. Peccato: qualcuno aveva indicato Danilo come prossimo capitano e lui ci credeva". I contatti per il rinnovo tra società e giocatore si sono interrotti quando si è parlato di cifre. Tra il Toro e D'Ambrosio ballano 200mila euro circa. Il giocatore, con il contratto attuale, il prossimo anno guadagnerà 400mila euro. D'Ambrosio vorrebbe arrivare a 700mila euro ma il presidente granata non vuole superare un massimo di 500mila euro. Lo stesso presidente Cairo avrebbe già fissato il prezzo di mercato del giovane terzino: 2,5 milioni di euro. La Sampdoria ci starebbe pensando dopo la richiesta del suo allenatore Delio Rossi.