Osservatorio, al Toro il maggior possesso palla

Cascione miglior centrocampista in fase d'impostazione. In evidenza anche Iori.
Bianchi e Insigne gli attaccanti più pericolosi.
10.11.2011 09:48 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: www.osservatoriocalcioitaliano.it
Osservatorio, al Toro il maggior possesso palla
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Protagoniste in campionato, altrettanto delle statistiche. Torino e Pescara occupano le prime due posizioni della classifica rispettivamente con 33 e 28 punti. Numeri da vertice confermati anche dalle statistiche collettive e individuali relative al mese di ottobre.

La propensione al gioco offensivo permette alla compagine allenata da Zeman di primeggiare per pericolosità arrecata alle retroguardie affrontate (67.4%). Un dato, questo, conseguente la migliore media partita relativa alle conclusioni indirizzate nello specchio della porta avversaria (7.2) nonché la schiacciante supremazia territoriale confezionata (11’:00). In fase di costruzione del gioco i biancazzurri (591 palloni distribuiti) sono secondi solo al Brescia con 621.8.

Il Torino di Ventura svetta per possesso palla (27’:29’’) a fronte di un’ottima percentuale nei passaggi riusciti (66%) e giocate utili realizzate (567.1%). Imbattuti tra le mura di casa i granata sono la migliore difesa della Serie Bwin e detengono il primato di vittorie in trasferta.

Lo rileva il Report n. 71/2011 elaborato dall’Osservatorio Calcio Italiano (www.osservatoriocalcioitaliano.it) website monitoring delle manifestazioni calcistiche in Italia.

Miglior performance in fase d’impostazione per Emmanuel Cascione: il centrocampista pescarese ha collezionato la bellezza di 641 passaggi riusciti a fronte di una media pari a 19 giocate utili ed una percentuale di passaggi riusciti del 75.9%. Tra i granata indispensabile il contributo fornito da Manuel Iori (552 passaggi riusciti, 14.0 giocate utili e il 72.3% di passaggi riusciti).

Rolando Bianchi e Lorenzo Insigne sono i giocatori ha rendersi maggiormente pericolosi andando al tiro rispettivamente in 50 e 46 occasioni. Considerevole il numero di palloni giocati dall’attaccante biancazzurro: in media 63 a partita dei quali il 20% si concretizzano in nitide azioni-goal.