Dagospia - Mega festa per il calendario di For Men Magazine

23.11.2008 10:14 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Dagospia
Dagospia - Mega festa per il calendario di For Men Magazine
TUTTOmercatoWEB.com

Matarrese, Galliani, Cellino, Della Valle e tutto il gotha del calcio alla corte di un Cairo anfitrione in occasione della presentazione dell'ultimo calendario delle smutandate 2009.

For Men Magazine chiude la stagione delle presentazioni dei calendari con un party a cui accorrono i vertici del governo del calcio capitanati dal presidente della Lega Calcio Antonio Matarrese.

Tutti alla corte dell'editore di For Men Magazine e presidente del Torino Urbano Cairo ad ammirare il Calendario Brasil 2009, protagoniste le splendide modelle Aline Domingos - per l'occasione senza il presunto boyfriend Ronaldinho - e Regina Fioresi.

I presidenti del calcio si sono presentati trionfanti e a braccetto dei manager svizzeri del gruppo Infront, in uno spazio Visionnaire di Milano tirato a lustro dal designer Samuele Mazza.

Notati tra gli altri anche Sua Maestà Gianna Tani, super-mega-direttora del casting Mediaset, e Riccardo Becker, plenipotenziario della MP Management.

La giornata dei Signori del Calcio era cominciata con il mega-accordo siglato con il gruppo svizzero Infront nella sede milanese di via Rosellini.

 

Il colosso sports-media Infront, controllato dalla famiglia Blatter (il presidente Philip è nipote di Sepp, padre-padrone della FIFA Federazione Internazionale di Calcio) diventa con questo accordo partner della Lega Calcio italiana per lo sfruttamento commerciale dei suoi diritti televisivi dal 2010 al 2015, offrendo ai club di Serie A un appetitoso piatto equivalente a 5 miliardi di euro in 5 anni.

Si spiega così l'umore raggiante dei presidenti del pallone, che hanno festeggiato la pioggia di franchi svizzeri piovuta sulle loro teste prima cenando da Giannino, poi brindando al party di Cairo con la Domingos e la Fioresi, beati e stralunati tra una folla di modelle mozzafiato.
 
Le danze si sono chiuse alle 2, con gli svizzeri a nanna e qualche papavero italiano impegnato in piacevoli "after-hour" nella fredda e dolce notte milanese.