Wolves forte, ma il Toro è rimasto in partita e deve crederci

23.08.2019 06:02 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Wolves forte, ma il Toro è rimasto in partita e deve crederci

Ha detto bene Mazzarri analizzando la partita, Toro un po' ingenuo ma ha fatto la partita, avendo avuto il possesso palla per il 62 per cento. Però è chiaro che il Wolves è una squadra forte, forse più sulle individualità che sul gioco di squadra. Ribaltare un 2-3 in trasferta è difficile, ma non impossibile soprattutto con un Belotti già in forma come visto. Il suo gol su rigore ha dato ancora qualche speranza al Torino di ribaltare la partita al ritorno, in casa della squadra inglese.

Nonostante che il Toro sia sempre stato in svantaggio non è mai crollato, tenendo sempre alta l'attenzione e arrivando a ridurre lo svantaggio con De Silvestri e poi con il penalty del gallo.

Il bomber granata è stato di gran lunga il migliore in campo, qualche incertezza sui gol da parte di Sirigu, anche se, soprattutto il secondo, era imparabile. Bravo il portiere granata su altre situazioni di pericolo. Bene soprattutto Izzo e Nkoulou. Qualche sbavatura per Ansaldi, a volte impreciso, ma sempre deciso. Maluccio Meitè, un po' avulso dal gioco Baselli. Zaza poco incisivo in attacco, lontano dall'aiutare Belotti.

Comunque sia la forza del Toro rimane il gioco corale, dove tutti si aiutano e si incoraggiano, per questo è giusto sperare nell'impresa e crederci deve essere il mantra della settimana, da qui a giovedì prossimo, anche se di mezzo c'è l'inizio del campionato. La partita contro il Sassuolo non deve essere assolutamente sottovalutata. Cominciare bene in campionato è importante, come proseguire in Europa.