Ventura: "Non dobbiamo commettere ingenuità"

25.02.2015 19:32 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Fonte: Torino Fc
Ventura: "Non dobbiamo commettere ingenuità"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Il tecnico Giampiero Ventura ha incontrato i media a Bilbao alla vigilia della partita contro l'Athletic.

"E' un momento importante per la Società. Dopo tanti anni siamo tornati in Europa e ora siamo ai sedicesimi. Fa piacere venire qui a Bilbao, in uno stadio storico e contro una formazione stimolante. Non sarà certo una sfida semplice, visto anche il pareggio 2-2 dell'andata, ma noi vogliamo giocarcela", ha cominciato il mister granata, come riporta il sito ufficiale.

Ventura ha poi proseguito nella sua disamina: "Non dobbiamo commettere ingenuità: all'andata sul primo gol ci siamo fatti sorprendere. Loro sono molto forti ma se noi facciamo le cose che sappiamo possiamo giocarcela. Oggi abbiamo preferito allenarci a Torino e non qui perchè le previsioni davano pioggia: il campo lo proveremo direttamente domani. Il problema non è di uomini ma di conoscenze: nel momento in cui sappiamo cosa fare non conta più chi lo fa ma come lo si fa.
Loro partono con il vantaggio del risultato dell'andata e della possibilità di giocare in casa, in questo stadio, il ritorno. Ma sono curioso e voglioso di verificare personalità, capacità e mentalità di questa squadra. Occorre arrivare al match con serenità, non con tensione".

Il mister ha poi ancora chiarito i suoi concetti: "In questi ultimi mesi c'è stato il piacere di allenarsi, di aiutarsi e di far bene: sono tutte componenti fondamentali per ottenere i risultati. Sono orgoglioso di quel che sta facendo questo gruppo. Non ci sono più degli "io", ma solo dei "noi": Glik quando ha saputo che a Firenze sarebbe toccato a Jansson in difesa al suo posto era d'accordo perchè lo svedese si stava allenando bene ed era un giusto premio".

Riguardo all'avversario ha aggiunto: "L'Athletic? Lo temo per quello che rappresenta e per lo stadio: abbiamo un grande rispetto per questo avversario. Sono un gruppo forte, non dipendono da un singolo giocatore. Vedremo il loro atteggiamento e poi ci adatteremo. Al sorteggio speravamo in una grande squadra e siamo felici di averla di fronte".

Una nota anche per i supporter, tanti al seguito: "Ringrazio i tifosi che ci hanno seguito fin qui e tutti quelli che erano all'Olimpico. In questi anni abbiamo seminato qualcosa, ricreando una cellula granata. Essere qui è una gratificazione per tutti. Quindi ringrazio uno ad uno per quello che ci hanno dato, ci daranno domani e continueranno a darci sempre".