Toro e Lazio, la mediana è la chiave: ma non c'è paragone

29.06.2020 22:00 di Federico Danesi   Vedi letture
© foto di Image Sport
Toro e Lazio, la mediana è la chiave: ma non c'è paragone

Tema: come può il Toro arginare uno dei punti di forza della Lazio, la mediana? Svolgimento: non può e infatti rischia dio essere travolto dalla sua dinamicità, come successo a Cagliari. Al di là dei moduli, perché Inzaghi ha come marchio di fabbrica il 3-5-2 mentre Longo potrebbe proporre un 3-4-2-1 con il rientro di Ansaldi e Verdi, è proprio una concezione diversa.

Il centrocampo del Toro non è stato costruito per creare, non esiste nessuno lì in mezzo capace di farlo se non raramente Lukic che però più spesso si perde. Quello della squadra di Inzaghi invece ha una testa pensante assoluta come Luis Alberto (e avrebbe pure Luicas Leiva) più due che si inseriscono come Milinkovic Savic e, domani, Parolo, più altri due che stantuffano in fascia come Lazzari e Jony, o Marusic, o Lulic che ora è fermo ai box. Roba da far venire il ml di testa. Longo sa tutto, ma riuscirà a trovare le contromisure?