Torino, in attacco è emergenza: Sanabria costretto agli straordinari tra Venezia e derby

26.09.2021 11:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Tmw
Antonio Sanabria
TUTTOmercatoWEB.com
Antonio Sanabria
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Simone Zaza praticamente non ha ancora cominciato la stagione, fermato da problemi fisici fin dallo scorso Ferragosto. E poi c’è Andrea Belotti, che dopo il gol all’esordio in campionato contro l’Atalanta di fatto si è fermato, con un infortunio più grave e sul quale restano ancora incerti i tempi di recupero, ma sicuramente non sarà prima della prossima sosta per le nazionali. Così, Ivan Juric si è arrangiato con gli uomini a disposizione, puntando su Antonio Sanabria come riferimento offensivo del suo 3-4-2-1 e facendo tante rotazioni sulla trequarti.

“Abbiamo tante soluzioni, è importante perché in questo modo ho sempre giocatori freschi e in grado di poter cambiare le partite a gara in corso” diceva orgogliosamente il tecnico qualche settimana fa. Adesso, però, la coperta si è incredibilmente accorciata: non solo Zaza e Belotti, anche Dennis Praet è stato costretto ai box. Proprio sul più bello, quando cominciava ad entrare negli schemi granata e aveva fatto l’esordio da titolare a Reggio Emilia, uno scatto in fase difensiva lo ha fermato per un problema muscolare e per il rientro se ne parlerà dopo la sosta. Juric aveva la soluzione già in casa, con Josip Brekalo lanciato e dal quale sono arrivate buone indicazioni, oltre all’adattamento di Karol Linetty e a un Marko Pjaca in costante crescita, oltre alla possibilità di adattare pure Sasa Lukic. Ora che si è fermato il croato, i problemi a livello numerici non sono pochi: l’ex Juventus salterà la trasferta di Venezia e probabilmente il derby contro i bianconeri, gli uomini sono diventati.

E se sulla trequarti c’è ancora qualche alternativa, Sanabria ormai non ha più alter ego. Poteva essere Praet, trasformato in falso nueve, o anche Pjaca, che ha anche le caratteristiche da attaccante, ma entrambi sono bloccati in infermeria. Toccherà dunque al paraguayano prendersi il peso del Toro sulle spalle, provando a tornare quel bomber che ha dimostrato di essere nei primissimi mesi sotto la Mole. A Venezia e contro la Juventus, il numero 19 sarà costretto agli straordinari, stringendo i denti e cercando a tutti i costi gol importanti per provare a scalare ulteriormente la classifica. E Juric incrocia le dita, nella speranza di non ricevere altre tegola in un reparto offensivo falcidiato dalle assenze proprio nel momento in cui il suo Toro sembrava vicino alla svolta definitiva.