La procura della Figc indaga sul confronto fra Juric e gli ultrà del Torino avvenuto nel piazzale del Filadelfia

20.12.2023 13:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: La Stampa
Ivan Juric
TUTTOmercatoWEB.com
Ivan Juric
© foto di Cristiano Mazzi/Image Sport www.imagepho

Lo scorso 9 novembre dopo che al termine della partita disputata tre giorni prima fra il Torino e il Sassuolo mister Juric, che era squalificato e vedeva la partita da un box, sotto l’effetto dell’adrenalina da partita aveva fatto un gestaccio che i tifosi del Torino non avevano apprezzato, e così tre giorni dopo c’era stato un incontro chiarificatore al Filadelfia fra l’allenatore e una rappresentanza degli ultrà. In merito al quale Juric aveva detto nelle successiva conferenza stampa prima della partita con il Monza: "Ieri è stato molto bello: top, ho trovato persone pure e sincere. Siamo rimasti insieme molto di più di quello che ci si aspettava. Loro ci sono rimasti male per il gesto perché pensavano che fosse rivolto a loro: il gesto c'è stato, ma era per tante cose. Non avevamo chiuso la partita e con il Sassuolo ci era già capitato due volte, ed era dovuto anche a tutto l’ambiente perché non è stato bello sentire insultare i propri giocatori per tutta la partita. Però meglio quello che non esserci, diciamo così. Secondo i tifosi è stato il loro modo di spingere la squadra a reagire, l'importante è che ci sono e che non ci sia indifferenza. E’ stato bello l’incontro, sinceramente Mi dispiace se qualcuno si è offeso e ci è rimasto male perché comunque un allenatore deve controllarsi, però in un certo senso è anche giusto esprimere le emozioni in quelle condizioni e in quel momento erano quelle".

Proprio sull’incontro la procura della Figc sta indagando per capire se sono state violate le norme federali che vietano episodi che possano rientrare nella sfera dell’intimidazione: “Ai tesserati è fatto divieto di avere interlocuzioni con i sostenitori nel corso dell’attività sportiva (ritiri, allenamenti, gare, ndr) e/o di sottostare a manifestazioni e comportamenti degli stessi che, in situazioni collegate allo svolgimento della loro attività, costituiscano forme di intimidazione, determinino offesa, denigrazione, insulto per la persona o comunque violino la dignità umana”. Gli 007 della Figc sono già stati a Torino ed hanno già raccolto le dichiarazione dei dirigenti del club granata e di Juric: nei prossimi giorni l’archiviazione o il deferimento. In caso di deferimento il Torino Fc rischia una sanzione economica, si legge su La Stampa.