Ko nel derby d’andata, il Toro poi va in tilt: un trend da invertire con il Napoli e da cancellare il precedente del 5 a 3 nel 2016

12.10.2021 13:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Tuttosport
Bremer e Locatelli
TUTTOmercatoWEB.com
Bremer e Locatelli
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Negli ultimi sei campionati per il Torino solo sconfitte con la Juventus nel girone d’andata che hanno avuto poi ripercussioni sulle partite successive con crolli più o meno lunghi dovuti a illusioni estive, delusioni, scarsa capacità di reagire dovuti a difetti di personalità, si legge su Tuttosport.

Così il Torino dopo le ultime sei sconfitte con la Juve all’andata*:
Campionato 2015/16: Juventus-Torino 2-1 (31/10/2015) partita successiva Torino-Inter 0-1 (8/11/20215)
2016/17: Torino-Juventus 1-3 (11/12/2016) partita successiva Napoli-Torino 5-3 (18/12/2016)
2017/18: Juventus-Torino 4-0 (23/9/20217) partita successiva Torino-Verona 2-2 (1/10/2017)
2018-19: Torino-Juventus 0-1 (15/12/2018) partita successiva Sassuolo-Torino 1-1 (22/12/2018)
2019-20: Torino-Juventus 0-1 (2/11/2019) partita successiva Brescia-Torino 0-4 (9/11/2019)
2020-21: Juventus-Torino 2-1 (5/12/2020) partita successiva Torino-Udinese 2-3 (12/12/2020)

Totale derby*: 6
Sconfitte nella partita successiva: 3
Pareggi nella partita successiva: 2
Vittorie nella partita successiva: 1
Media punti nella partita successiva: 0,83

Emblematica la crisi di Giampaolo, un anno fa. Adesso un altro derby perso 1 a 0 prima della sosta per gli impegni della Nazionale, ma con Juric pare diverso: ha ricostruito uno spogliatoio. Il tecnico croato ha ancora da lavorare, ma ha già dato la sua impronta sul carattere aggressivo della squadra dovunque, sulle motivazioni, sull’orgoglio, sull’unione di gruppo. E a seguire sul gioco. E domenica si vedrà se finalmente il Torino ha invertito la rotta in modo che il detto vedi Napoli e poi muri non si trasformi ancora in vedi la Juve e rimani stecchito, tanto più che c'è da cancellare il precedente del 5 a 3 nel 2016.

*statistiche a cura di Massimo Fiandrino per Tuttosport