Crotone sempre più vivo su un giocatore granata. Ma non è Buongiorno

15.09.2020 10:24 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Crotone sempre più vivo su un giocatore granata. Ma non è Buongiorno

Fresco di rinnovo fino al giugno 2024, il ventunenne Alessandro Buongiorno sembra aver convinto Marco Giampaolo, in direzione di una almeno possibile permanenza nel progetto granata. Al punto che il tecnico potrebbe, complice un'emergenza sulla corsia mancina - con Rodriguez fuori causa, Ansaldi ancora non al meglio, e la trattativa per Murru sì praticamente chiusa, ma ancora non arrivata all'ufficialità, - proporlo dal 1' sabato pomeriggio, a Firenze, da terzino sinistro.

Cercato ora dal Cosenza, col Toro che per l'appunto nicchia e pensa di tenerlo alla base, il classe '99 era stato, nel recente passato, corteggiato a lungo dal Crotone. I pitagorici, ora alle prese con l'assemblamento di una rosa in grado di far fronte alla terza stagione della loro storia in Serie A, sarebbero forti sulle tracce di un altro difensore granata, il ventisettenne Koffi Djidji. Il franco-ivoriano, le cui caratteristiche non sono esaltate dallo stile di gioco dello stratega giuliese, pensa da tempo a una nuova destinazione, dopo due stagioni in granata complessivamente sufficienti. E, a tal proposito, il club calabrese sembra aver preso il sopravvento su Spezia e Dinamo Zagabria, oltre che sui timidi sondaggi dalla Spagna.

Settecentomila euro a stagione, ingaggio importante per i rossoblù, interessati innanzitutto a un prestito (con o senza diritto di riscatto); in caso si parlasse di cessione a titolo definitivo, all'ex-Nantes potrebbe essere proposto un contratto a lungo termine, con stipendio spalmato tendenzialmente su un quadriennale. E proprio la partenza di Djidji, parte di quella diaspora difensiva in atto - per quanto, finora, solo sulla carta - in casa Toro, potrebbe favorire la permanenza di Buongiorno alla corte di Giampaolo.