Cairo dovrebbe comprare il Grande Torino, con la legge approvata ci sono agevolazioni

14.09.2020 16:38 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
Cairo dovrebbe comprare il Grande Torino, con la legge approvata ci sono agevolazioni

La proposta al presidente granata è già stata fatta pubblicamente dall'assessore allo Sport Roberto Finardi, che è pure simpatizzante granata. Ora si attende la risposta di Urbano Cairo che, comunque sia, non sembra intenzionato a rilevare lo stadio Olimpico Grande Torino dal Comune.

“La Città non ha nessun interesse a conservare la proprietà dell’Olimpico. Ormai ovunque le società calcistiche puntano ad avere il proprio stadio per incrementare i tifosi e trasformarlo in una sorta di casa del club, con strutture e servizi collegati. Credo sia una buona occasione per sederci attorno a un tavolo. Da parte nostra c’è massima disponibilità, e non da oggi, per offrire un tempio del calcio al Toro e ai suoi tifosi“, ha riportato Lo Spiffero riguardo alle parole dette dall'assessore allo Sport.

In pratica, dopo che il decreto Semplificazioni è diventato legge è più agevole fare ristrutturazioni negli impianti sportivi, in deroga ai vincoli architettonici imposti dalla Soprintendenza

Il calcio italiano sta cercando di equipararsi ai campionati stranieri, riuscendo ad avere prima o poi gli stadi di proprietà, che consentirebbero un miglior finanziamento dell'azienda della singola società di calcio.

Il comune di Torino non ha nessun interesse a tenersi lo stadio, ma sarebbe ben lieto di venderlo al Torino, che potrebbe avere così un immobile tutto suo, dove costruire tutto quello che occorre per diventare una società moderna che si autofinananzia. Un impianto di proprietà potrebbe aprire a tutte le attività di contorno che potrebbero aiutare ad usufruire di ulteriori introiti.