Tre anni fa veniva inaugurato il nuovo Filadelfia: ma non é ancora completo e solo Longo lo ha riaperto ai tifosi

25.05.2020 12:30 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Nuovo Stadio Filadelfia
Nuovo Stadio Filadelfia

Che emozione tre anni fa quando è stato inaugurato il nuovo Filadelfia dopo il lunghissimo periodo di incuria culminato nella demolizione che ha preservato solo un piccolo moncone delle tribune che avevano visto i fasti del Grande Torino e poi per anni erano stati la Casa dove si cementava il connubio tra giocatori e tifosi.

In questi tre anni il nuovo Fila è stato sempre “blindato”, a partire dalle vele anti spioni volute da Ventura, e quasi sempre interdetto ai tifosi che hanno potuto accedervi raramente. Solo l’arrivo di Moreno Longo - cresciuto nel vivaio granata dove ha potuto vivere il “vecchio” Fila - sulla panchina della prima squadra ha fatto sì che si tornasse agli allenamenti a porte aperte al pubblico, almeno qualche volta a settimana, poi il Coronavirus ha obbligato a richiudere tutto.

A distanza di tre anni, però, il nuovo Fila è ancora in divenire, infatti, alla costruzione del primo lotto con due campi da calcio, principale e secondario, buona parte degli spogliatoi per gli allenamenti della prima squadra e le gare della Primavera  non ha fatto seguito la costruzione dei lotti due e tre. Il due prevede il restauro dei monconi delle curve, la foresteria, la sede del Torino Fc e della Fondazione Stadio Filadelfia, la sala stampa e gli spogliatoi mancanti e il tre il Museo del Toro, oggi a Grugliasco a Villa Claretta Assandri situata nell’ hinterland torinese e che sono ancora da farsi seppur previsti nei progetti ufficiali. Chissà se mai un giorno il nuovo Fila verrà completato? Il famoso salto di qualità del Torino passa anche da questo step e chi ha il Toro nel cuore lo sa, gli altri … mah!