Torino Channel, Bertone a TMW Radio: "Toro, grandi certezze in difesa. L'anno scorso pungolare Ljajic ha funzionato"

15.12.2017 19:19 di Claudio Colla   vedi letture
Torino Channel, Bertone a TMW Radio: "Toro, grandi certezze in difesa. L'anno scorso pungolare Ljajic ha funzionato"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Intervenuto ai microfoni di TMW Radio, Eugenio Bertone, collega di Torino Channel, ha parlato del momento granata, oltre che del caso-Ljajic: "La vittoria contro la Lazio ha stappato la squadra come una bottiglia di champagne, per usare la stessa espressione utilizzata oggi da Mihajlovic in conferenza. E ce n'era bisogno. Al Toro nelle ultime partite era mancato solo l'acuto, quei tre punti conquistati con i biancocelesti. Prima della sfida dell'Olimpico di Roma, i granata avevano già messo in campo delle buone prestazioni, soprattutto in trasferta. La gara casalinga con il Napoli di domani va a chiudere, di fatto, un tour de force molto intenso, cominciato un mese fa. I granata ci arrivano con lo spirito giusto, con la recente vittoria in tasca, e il morale alto. Anche in virtù della prova convincente contro la squadra di Inzaghi, al netto degli episodi arbitrali e della superiorità numerica che hanno caratterizzato il match.

Per quanto riguarda la formazione che Mihajlovic schiererà contro il Napoli, le certezze sono proprio quelle difensive. Rispetto all'anno scorso il Torino subisce meno, e la squadra fa funzionare bene l'intera fase difensiva. Oggi, prendere il posto a Burdisso o a N'Koulou diventa molto difficile. Si ripartirà dal 4-3-3; ci sarà da capire se là davanti tornerà dall'inizio Ljajic, dopo la tribuna punitiva spiegata ancora una volta dal mister granata. Oppure, come a Roma, vedremo Berenguer, autore di una buona prestazione e del suo primo gol in campionato proprio contro i biancocelesti.

Il caso-Ljajic? Sono arrivate parole già sentite lo scorso anno, proprio per spingere Ljajic a dare il meglio di sé. Tattica che allora funzionò. Fa parte del ruolo del tecnico. Ancora una volta, oggi come ieri, il giocatore sarà chiamato a rispondere sul campo".