ESCLUSIVA TG – Biasin: “Verona e Torino si equivalgono. Sarà una partita tattica, ma bella”

16.02.2014 08:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
ESCLUSIVA TG – Biasin: “Verona e Torino si equivalgono. Sarà una partita tattica, ma bella”
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Fabrizio Biasin è stato intervistato in esclusiva per TorinoGranata.it. Biasin è capo servizio dello sport del quotidiano Libero ed è opinionista in trasmissioni televisive. Con lui abbiamo parlato della sfida di domani sera fra Verona e Torino.

 

Partita più delicata per il Verona o per il Torino?

“Credo per il Torino, semplicemente perché il Verona arriva da un ottimo pareggio contro la Juventus, squadra che non perde mai e che pareggia molto poco, mentre il Torino arriva dalla brutta prestazione con conseguente sconfitta con il Bologna che ha un po’ allontanato i sogni di Europa League e quindi si può dire che forse questa partita è più delicata per il Toro”.

 

Il Torino come può approcciare la partita visto che ha sei giocatori in diffida e la prossima gara sarà il derby e in più Darmian in settimana ha accusato mal di schiena quindi non sarà al meglio e di fronte ci sarà il Verona che oltre a Toni ha più di un giocatore che può segnare, a differenza dei granata che finora hanno potuto contare sulla vena realizzativa solo dei due attaccanti di punta Cerci e Immobile?

“Sicuramente sarà una partita delicata per il Torino proprio per questi motivi poiché ha tanti giocatori diffidati e altri che non sono al top della condizione e non potrà non tener conto del derby, che è una partita importantissima per tutto l’ambiente granata. Non credo che domani sera il Torino entrerà in campo poco concentrato, ma sicuramente avrà un minimo la testa rivolta al derby, detto questo, secondo me, Torino e Verona si equivalgono e sono due squadre che giocano un bel calcio, forse più vario quello di Mandorlini mentre quello di Ventura è più legato alla forma di Cerci, però credo che abbia tante carte da giocare per portare a casa un risultato utile. Il Verona ha passato un brutto periodo a cavallo tra dicembre e gennaio e in coincidenza con la cessione di Jorginho, ma si è ripreso molto bene, il Torino dal canto suo ha un andamento più che buono da un bel po’ di tempo per cui sarà sicuramente una partita interessante”.

 

Sarà una di quelle partite risolta da un gol di uno dei bomber in campo  oppure le squadre si aspetteranno poiché hanno anche un po’ paura di perdere vista la posizione che hanno in classifica?

“Sono più per la seconda ipotesi, probabilmente sarà una partita dove ci sarà un po’ di attesa con le squadre che non si scopriranno più di tanto e magari verrà fuori qualche cosa di buono nel secondo tempo. Ovviamente tutto dipenderà anche dalla prestazione dei singoli, Immobile in genere segna ogni volta che tocca un buon pallone e dall’altra parte c’è un certo Toni e anche Iturbe che sanno fare la differenza per cui è  molto difficile prevedere che cosa accadrà. Io immagino comunque una partita con pochi gol”.

 

Sarà quindi una partita tattica?

“Sì, una partita che potrebbe essere decisa da episodi, da una punizione o da un calcio d’angolo, però nel campo delle previsioni è difficilissimo azzeccarci, ma diciamo che la cosa sicura è che si affronteranno due belle realtà della serie A, due formazioni che hanno fatto delle cose ottime, partendo dal presupposto che non hanno giocatori di primissimo livello come possono averceli altre squadre”.