Toro, i più e i meno dopo il Napoli. Il Toro non c’è, l’arbitro sì

Legenda: - - prestazione da dimenticare; - sotto lo standard abituale; 0 nella norma; + prestazione ottima; + + straordinario
28.10.2013 10:38 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Flavio Bacile per TorinoGranata
Toro, i più e i meno dopo il Napoli. Il Toro non c’è, l’arbitro sì
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Padelli: + l’inizio è quello che è, uscita con i piedi sbagliata su Insigne, si riscatta strada facendo con due-tre interventi importanti. Alla fine chiude come migliore in campo. Non ha un grande pedigree, ma è meno peggio di quanto lo si voglia far apparire

D'Ambrosio: - - il peggior D’Ambrosio dell’anno, lento, svogliato, senza mordente. Cosa dire altro?

Darmian: 0            comincia malaccio per dire la verità cresce con il passare dei minuti, poi tornato esterno destro, chiude in modo più che accettabile. Anch’io lo pensavo un possibile centrale, oggi come oggi, deve crescere molto in quel ruolo.

Glik: - non è ancora il giocatore dello scorso campionato, ma a Napoli non delude, almeno per un tempo. Mazzoleni, assistente di porta induce l’arbitro a punirlo con un rigore inesistente, altro errore clamoroso della classe arbitrale contro il Toro, e se permettete contro lo stesso Glik. Si trova più volte a dover impostare l’azione, e, quello proprio non può essere il suo ruolo. In barca nel secondo tempo.

Moretti: - una prestazione sotto il suo abituale livello, spesso in affanno con la palla al piede, rischia in uscita più di una volta. Non il solito, per farla breve.  

Masiello: - - difficile capire perché Ventura lo ha preferito a Pasquale, bisognerebbe avere il coraggio di chiederglielo. Una trentina di passaggi all’indietro, due cross dalla trequarti, una clamorosa svirgolata che lancia Callejon, e la sensazione che non sappia che fare quando ha la palla al piede. Tra i peggiori.

Gazzi: - gioca fuori ruolo ed anche male. Ci può anche stare dopo il lungo stop, ma gli è mancato anche il consueto ardore che ne caratterizzava le prestazioni.  

Vives: -                        meglio, si fa per dire quando torna a fare il regista, poca roba quando gioca da appoggio a Cerci. Dopo un buon inizio di campionato, purtroppo sta tornando il giocatore già visto la scorsa stagione.  

Bellomo: 0             il migliore di centrocampisti, in una partita che non verrà ricordata per la bellezza del centrocampo granata. Non manca di personalità, e questo è un bene. Ingenuo sul rigore, nel senso che presta la gamba alla caduta del giocatore di Benitez. Sparisce nella ripresa, e questo è un mistero.

Cerci: - - che la più brutta prestazione del Toro potesse coincidere con la peggiore di Alessio era quasi una certezza. Tenta un paio di accelerazioni, ma non incide più di tanto. Per dirla con franchezza, Barreto mi sembra il compagno di reparto peggiore per lui, ma la sua brutta partita dipende quasi totalmente da lui.

Barreto: - - un unico squillo, tra l’altro concluso malissimo, in novanta minuti. Troppo poco per giustificare la prestazione e la presenza in campo. Lento, anzi lentissimo, non aggiunge nulla al già sterile attacco granata. Per 89’ spettatore non pagante, e, in due partite neanche un tiro in porta. Tra i peggiori.  

Maksimovic: + una buona mezz’ora per dimostrare di poter essere importante per questa squadra. Non delude, e mette in mostra una buona tecnica, testa e cuore. Deve ancora crescere tatticamente, ma l’inizio è più che incoraggiante.

Basha: - alla fine rovina tutto con quella espulsione. Non aveva certo fatto sfracelli, ma stava giocando meglio di chi lo aveva preceduto. Intendiamoci, non è da lui che mi aspetto che possa cambiare la partita, ma carattere e grinta si, quella può metterla in campo tranquillamente.

Meggiorini: + il migliore dei nostri attaccanti. Non che abbia incantato, ma fa uscire il Toro da un letargo lungo quasi 75’, indirizzando il primo tiro pericoloso verso la porta di Reina. Si ripete nel finale. Nella pochezza offensiva dei granata, fa le uniche cose che si chiedono ad un attaccante, tirare in porta e cercare il gol.


Classifica dopo la nona giornata

 6 punti: Cerci,

 

 3 punti: Padelli, D’Ambrosio,

 2 punti: Bovo, Darmian,

 

 1 punto: Bellomo, Maksimovic,

 

 0 punti: El Kaddouri, Pasquale, Immobile, Moretti, Glik,

 

-1 punto: Brighi, Gazzi, Basha, 

 

-2 punti: Larrondo, Farnerud, Vives, Barreto,  Meggiorini,

 

- 3 punti: Masiello,

 

-4 punti: Rodriguez.