Red Bull e Torino? Il matrimonio si può fare...

30.07.2010 13:02 di Marina Beccuti   vedi letture
Red Bull e Torino? Il matrimonio si può fare...
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

L'indiscrezione ha cominciato a girare su Facebook, da gente che è dentro alla ricostruzione del Filadelfia, ma è anche esperta di pubblicità ed economia. Oggi è stata La Stampa a riportare la notizia. La Red Bull pare davvero interessata al Torino. Sarà la solita bufala? Speriamo di no. Perchè effettivamente qualcosa si sta muovendo, grazie anche alle migliaia di mail che i tifosi del Torino hanno mandato all'ufficio marketing della nota azienda austriaca Red Bull Italia e qualcosa deve aver scatenato nella mente vulcanica di Dietrich Mateschitz, il signor Red Bull in persona.

La notizia è questa: martedì scorso il general manager della Red Bull Italia, il portoghese Pedro Silva Nunes, è stato a Torino per preparare un dossier che a settembre consegnerà a Dietrich Mateschitz, padrone della multinazionale con sede a Salisburgo. Titolo del dossier: "Possibile acquisto del Torino". Nunes ha compiuto coi tecnici del Comune un sopralluogo allo stadio Olimpico ed è stato anche al Filadelfia.

La cosa simpatica è che Nunes ha mangiato una pizza nel locale "Toro Amore Mio", meglio conosciuto come da Davidone, luogo storico per i tifosi granata, che si trova prooprio davanti al Fila. Il cliente, al momento anonimo, ha chiesto proprio di bere una Red Bull. Il cameriere che serviva in quel momento gli ha fatto una battuta "Magari ci comprassero!", senza sapere di essere al cospetto di un importante dirigente del gruppo.

Nunes in seguito ha incontrato Giuseppe Sbriglio, Assessore comunale allo sport, per fare il punto della situazione su stadi e potenziali investimenti. L'incontro, positivo, è stato seguito anche da un rapido saluto al presidente regionale Cota, che gli ha dato il suo incoraggiamento. Il referente italiano della Red Bull ha ancora incontrato altre persone legate al Toro e ha raccolto materiale (libri, foto, statistiche e bilanci) per compilare un dossier da consegnare a Mateschitz tra un mese.

Resterà un sogno o diventerà realtà? Sarebbe un bel binomio unire il calcio allo sport motoristico per eccellenza. Con questa monoposto dalla livrea stupenda, con quel Toro rampante che aggredisce ad oltre i trecento all'ora. In F1 trema la Ferrari, nel calcio torinese potrebbe cominciare a farlo la Juventus, se mai il Toro sarà targato Red Bull. Qualsiasi cosa facciano sono vincenti.