Quanto manca il Toro alla Juve?

07.01.2011 08:50 di Marina Beccuti   vedi letture
Quanto manca il Toro alla Juve?
TUTTOmercatoWEB.com

Non ha iniziato nel modo migliore la Juventus questo 2011, con la sonora batosta contro il Parma, che ha battuto i bianconeri per 1-4 all'Olimpico. I bianconeri hanno perso Quagliarella dopo pochi minuti per un bruttissimo infortunio, si parla per lui della sospetta rottura dei legamenti (auguri all'ex granata), sono rimasti in dieci per l'espulsione di Melo, hanno avuto da recriminare contro l'arbitro e hanno subito la "cattiveria" agonistica degli avversari. Dunque anche la Juve deve rivedere la sua stagione fatta di alti e bassi, ma soprattutto rendersi conto di essere tornata una squadra normale, che subisce come tutti gli altri. Ben lontana dai tempi di Moggi, con un management attuale sicuramente più serio, però meno bravo nelle strategie. Krasic è stato un bel colpo, ma ora nel mercato sono tanti i rifiuti ricevuti e i giocatori inseguiti persi per strada, come Dzeko, che gli è stato soffiato dal Manchester City e adesso devono tuffarsi su Toni, ormai avviato sul viale del tramonto.

Siamo convinti che la Juventus "soffra" l'assenza di un Toro forte ed in serie A, perchè manca il sapore della sfida cittadina, fatta non solo del derby, ma di un confronto diretto quotidiano, dai semplici sfottò dei tifosi, al mercato, fino ai risultati in campo. Il Torino negli ultimi decenni è stato sempre inferiore ai bianconeri, sono ormai lontani i tempi in cui il derby poteva essere giocato alla pari ed il Torino stava tranquillamente nelle primi posizioni di classifica. La caduta dei granata, sempre in bilico tra la A e la B, ha reso anche più debole la Juventus, che con il terremoto calciopoli è come avesse subito un fallimento dal quale è dura riprendersi. Torino, città, quella parte che ha sempre cercato di indebolire i granata, ora si rende conto di quanto sia stato sbagliato cercare di annientare il Toro per volere un potere calcistico tutto bianconero. Due squadre importanti nella stessa città sono alla base della lotta per superarsi a vicenda, per cercare di portarsi via i giocatori migliori. Questa è la sensazione che si respira, un Toro debole rende più vulnerabile la Vecchia Signora, alla quale non basta rifarsi il trucco per sembrare più giovane e bella. In città c'è bisogno di nuove sfide calcistiche.