Napoli, De Laurentiis: "La sfida contro il Milan? ora siamo concentrati sul Torino"

19.03.2013 19:10 di Claudio Colla   vedi letture
Fonte: www.sscnapoli.it
Napoli, De Laurentiis: "La sfida contro il Milan? ora siamo concentrati sul Torino"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Queste le parole pronunziate dal presidente del Napoli (prossimo avversario di campionato del Torino), Aurelio De Laurentiis, nell'àmbito del lungo intervento rilasciato in occasione della quinta Edizione del Premio Andrea Fortunato. "Ho gioito non soltanto della vittoria ottenuta contro l'Atalanta, ma anche nel rivedere le immagini della gara. È stata una partita complicata, giocata con grande impeto. Vogliamo difendere il secondo posto come fosse uno scudetto. Sono contento per il ritorno al gol di Cavani, così come per Pandev; mi ha colpito molto la sua esplosione di gioia irrefrenabile. Io sono molto rispettoso, e non intervengo quasi mai nello spogliatoio, però venivamo da cinque gare stregate, ed era doveroso per me parlare con la squadra. Ho voluto dare a tutti il mio contributo, in modo da far sentire la presenza e il sostegno della società e schierarmi con tutti loro, dalla squadra, al tecnico e all'intero staff. Per me i giocatori sono come dei figlioli, abbiamo parlato di tante cose come avviene tra amici. E questo credo che loro lo abbiano apprezzato, perchè non si sono sentiti osservati con autorevolezza (intendendo presumibilmente autoritarismo, NdR), ma hanno visto una persona che con semplicità e verità è al loro fianco.

Per Cavani ho fissato un'asticella molto alta con la clausola al contratto, proprio per la volontà di trattenerlo in azzurro. Ma c'è anche da dire che non pongo limiti agli altri. Chiaramente se un attaccante di 25 anni è seguito da uno dei club più importanti del mondo è comprensibile esserne attratto. Cavani sa che a Napoli è amato e rispettatissimo, vivere nella nostra città è un atto di fede e coscienza. Poi se c'è la richiesta folle di 70 milioni lordi noi l'ascolteremo, ma sia chiaro che l'ultima parola spetterà al giocatore.

Io e Mazzarri abbiamo sempre prospettato di essere tra le prime cinque in classifica. Adesso il campionato è entrato nel vivo: siamo secondi, il Milan è dietro, lo rispettiamo ma non c'è motivo di temerlo. Con Mazzarri c'è un rapporto leale e amicale, basta uno sguardo tra di noi per capirci. Io in questo momento non voglio dargli l'assillo di prendere decisioni affrettate per l'anno prossimo. La vita è una cosa importante e queste sono decisioni che meritano grande senso di responsabilità. Credo che insieme siamo una coppia che si è sempre saputa integrare: abbiamo ottenuto grandi risultati, e siamo concentrati sulla prossima partita. Il mio allenatore è Mazzarri, e penso solo a lui. Poi se sono rose fioriranno.

Il mio proposito è quello di migliorare sempre il gruppo, anno dopo anno, con innesti mirati. Ci sono interventi da compiere e molto da lavorare per chiudere bene questa stagione e preparare al meglio la prossima. Il mio programma è quello di porre basi importanti per il futuro e mettere a disposizione di Mazzarri, o di un altro eventuale tecnico, una rosa competitiva.

Prima della sfida con il Milan ci sono altre gare. Noi pensiamo al match con il Torino, e ci concentreremo partita dopo partita. Il Milan è dietro di noi, e speriamo di riuscire a rimanere davanti".