Primavera, Torino-Entella, due club a confronto per il secondo posto

23.04.2016 10:32 di Marina Beccuti Twitter:    vedi letture
Fonte: Veronica Guariso per TorinoGranata
Primavera, Torino-Entella, due club a confronto per il secondo posto
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Diego Fornero/TorinoGranata.it

Una delle sfide più importanti attende il Torino di Longo, oggi i suoi ragazzi dovranno giocare contro l’Entella, attualmente in seconda posizione. Lo scontro diretto si svolgerà al Don Mosso di Venaria alle 15.00; ci sarà anche la diretta su RaiSport 1, per chi volesse seguire e sostenere la Primavera da casa. Sarà una sfida interessante sotto ogni punto di vista: due squadre, due modi di giocare, ma con un obiettivo in comune, il secondo posto. Il Torino dovrà dare tutto per riuscire a portare a casa i tre punti, superare i biancocelesti e continuare così la scia positiva di 8 vittorie consecutive. L’Entella cercherà di impedire in tutti i modi che ciò accada, sfruttando al meglio le proprie potenzialità. Sicuramente sarà un match che vedrà protagonista un buon calcio, grinta e passione da parte di entrambi i club. Il Torino, partito sfavorito, è riuscito a risalire la classifica, raggiungendo quota 50 punti, uno in meno dei bresciani. Domani ci sarebbe un lasciapassare per evitare i play off ed andare direttamente alla Final Eight. Confrontando le statistiche, i padroni di casa hanno collezionato 15 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte, contro le 16 vittorie, i 3 pareggi e le 4 sconfitte dell’Entella.

C’è continuità da entrambe le parti e la differenza è davvero minima, quindi si prospetta una sfida equa. Per quanto riguarda la differenza reti, sia i granata che i biancocelesti hanno +28: i primi con 46 reti realizzate e 18 subite, mentre 62 i gol fatti e 34 i subiti dai secondi. L’Entella ha centrato maggiormente lo specchio rispetto al Torino, ma i risultati non variano di molto. Longo ha svolto un ottimo lavoro assieme ai suoi ragazzi, credendoci sempre fino in fondo e mandandoli in campo con l’intento di vincere. Due dei suoi sono infatti stati premiati con la convocazione (quasi forzata) in prima squadra, che potrebbe rivelare il loro futuro.

Edera e Candellone hanno presenziato alla partita contro la Roma, ma solo il primo ha trovato spazio, negli ultimi 30 secondi, riuscendo così a esordire. Non è esclusa la possibilità di un remake contro il Sassuolo, nel caso in cui Maxi Lopez non riuscisse a recuperare in tempo. Intanto è bene concentrarsi sulla sfida odierna, la più importante tra le ultime, per potersi togliere l’ennesima soddisfazione.

Un “in bocca al lupo” a chi domani scenderà in campo.