Ventura: "Avevamo messo in imbarazzo la Juve poi l'espulsione ha cambiato la partita"

01.12.2012 23:32 di Luca Ghiano   vedi letture
Ventura: "Avevamo messo in imbarazzo la Juve poi l'espulsione ha cambiato la partita"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Gaetano

Il tecnico granata Giampiero Ventura è stato intervistato da SkySport nel post partita di Juventus-Toro. Queste le sue parole dopo la sconfitta per 3-0: "Ci sono state due partite, una prima dell'espulsione e una dopo. In dieci uomini nel calcio di oggi è difficile resistere. Un tempo buttavi la palla su, oggi le squadre giocano la palla molto di più. Basta vedere cosa è successo anche ieri a Catania. Il resoconto è questo: primi 30 minuti buona personalità e la Juventus era in imbarazzo. Avevamo avuto una buona lettura della partita e delle singole situazioni con la palla che si muoveva rapida. Ci muovevamo con rapidità e avevamo creato dei pericoli. Il fallo dell'espulsione? Non ho visto le immagini le guardo ora. Se il giocatore prende la palla non è un fallo da espulsione se non la prende è da rosso. Il mio è un commento in generale in ogni caso accettiamo serenamente la decisione dell'arbitro. Se voi dite che addirittura è un fallo da due rossi vuol dire che ho imparato una cosa nuova dopo i due rigori di Zeman a Roma in una sola azione. Capisco che sia un modo di dire, il vero problema è che con l'espulsione cambia anche la partita. Sarebbe stato bello che Glik non avesse fatto quel fallo, perchè avevamo aspettato tanto questo derby e volevamo giocarcelo fino in fondo. La partita dopo il rosso era praticamente scritta. Anche se abbiamo avuto solo 24 ore per preparare la partita sapevamo che potevano farci male con gli inserimenti dei centrocampisti. Avevamo preparato bene la partita, anche su primo gol subito le posizioni erano giuste, Darmian doveva solo fare  un passo in avanti per colpire la palla al posto di aspettarla, ma stiamo parlando di piccolezze. C'era voglia di derby, c'era la voglia sia nostra che dei tifosi di giocarcela fino in fondo, rimane un pò di rammarico. Onore alla Juventus e in bocca al lupo per la Champions League".