Torino, tutto in una settimana

25.08.2014 09:42 di Marina Beccuti   vedi letture
Torino, tutto in una settimana
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Il Torino affronterà una settimana importante, dove giovedì dovrà cercare la qualificazione in Europe League contro lo Spalato, missione tutt'altro che impossibile, ma alla stesso è necessario già pensare all'esordio in campionato contro l'Inter, impegno che appare più difficile rispetto a quello contro i croati, che però rimane una partita decisiva, da dentro o fuori.

Finisce anche il mercato il prossimo lunedì e qui la situazione rimane, per così dire, congelata, causa il persistere delle trattative su Cerci. Se rimane è un bene per il Toro, che dovrà così evitare di trovare un sostituto, sempre che l'ala non abbia perso le sue motivazioni. Non sarà in un top club, ma può sempre contribuire a far sì che la squadra granata salga ancora di quotazione. In fondo al Toro ha il posto assicurato, anche in Nazionale, se Conte non cambia idea. La sua partenza aprirebbe alla necessità di trovare un sostituto degno, non facile da cercare in pochi giorni. La sensazione è che Cerci alla fine resterà.

La rosa granata avrebbe bisogno ancora di un attaccante, anche se ha Quagliarella, giocatore importante, nella speranza che il fisico regga tutta la stagione, perchè, con tutto rispetto, Barreto e Larrondo sbagliano ancora molto sotto porta. Si è tornato a parlare di Giovinco, anche se la formica atomica ha fatto intendere di voler rimanere alla Juventus. Ma l'intesa con Quagliarella potrebbe portare benefici al Torino, che però avrebbe un attacco poco fisico e, con certi difensori di stazza superiore, diventerebbe dura nel confronto diretto.

I rebus non finiscono qui perchè il Torino deve ancora risolvere la burocrazia riguardante Bruno Peres. Bisogna dire però che le leggi sui giocatori extracomunitari sono un vero fardello, non sono certo queste regole a difendere i giocatori italiani. In un libero mercato certe situazioni mettono solo in difficoltà le squadre che superano il numero di extracomunitari in squadra. Se non si sblocca la situazione a breve il Toro dovrà trovare anche un altro difensore, individuato, pare, in Marco Faraoni.