Patrizio Sala: "I giocatori arrivati al Toro sono di livello"

17.07.2011 08:15 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com
Patrizio Sala: "I giocatori arrivati al Toro sono di livello"
TUTTOmercatoWEB.com

Abbiamo intervistato in esclusiva Patrizio Sala, mediano del Torino dal 1975 all’81 e attualmente impegnato con la sua scuola calcio di perfezionamento, oltre ad essere commentatore televisivo per l’emittente Rete 7. Ventura ha esperienza, carisma e capacità. La rosa, seppur non ancora completa, ha ricevuto degli innesti validi per la categoria. Il tifoso granata è sfiduciato per quello che è avvenuto nel recente passato. Chi va allo stadio giudica in base a quello che vede sul campo.

Giampiero Ventura è l’allenatore che può rilanciare il Torino?
“Per esperienza, per capacità e per carisma certamente. Nel periodo che  allenava il Bari mi è capitato di vedere delle partite e la squadra esprimeva un buon calcio e, secondo me, anche molto piacevole”.

Come le sembra la campagna acquisti?
“I giocatori arrivati, soprattutto gli ultimi, sono di una qualità, per questa categoria, che definirei importante. La rosa non è ancora completa, però la strada intrapresa è quella giusta”.

Nonostante le assicurazioni dell’allenatore i tifosi sono preoccupati e temono che sarà un’altra annata sottotono. Che cosa si sente di dire loro?
“La preoccupazione nasce dalle esperienze passate ed è giustificata in quanto proprio legata a quello che è stato, perché alla fine tutto ciò che rimane sono i fatti che hanno detto questo. Credo che gran parte della gente a questa domanda avrebbe risposto come me. In questi giorni sui giornali e nei siti internet sono state pubblicate molte lettere di tifosi del Toro che si dicono sfiduciati per quello che è capitato negli ultimi anni, perché l’amore per la maglia granata e per la storia passata e i risultati di tutt’altro tipo, ormai piuttosto lontani, sono sempre vivi e ben presenti”.

La fiducia dei tifosi potrà ritornare con questa proprietà?
“Io me lo auguro, soprattutto per il bene del Toro, nel senso che per quanto il tifoso del Toro sia un pochettino disinnamorato e poco fiducioso è particolare e bastano tre partite giocate in un certo modo con vittorie o anche con risultati inferiori alla vittoria come il pareggio, ma comunque giocati con grinta e determinazione a far ritornare la fiducia, perché è legata a quello che avviene in campo. Il tifoso che va allo stadio vede la partita come viene giocata e quanto i calciatori danno sul campo e in base a questo giudica”.