La mira dei granata va aggiustata: non solo pochi tiri, ma parecchi finiscono fuori

24.02.2020 06:00 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Elena Rossin e dati Lega Serie A
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
La mira dei granata va aggiustata: non solo pochi tiri, ma parecchi finiscono fuori

Longo lo dice dal suo arrivo sulla panchina del Torino, il 4 febbraio scorso, che si devono creare i presupposti per segnare e che di conseguenza vanno fatti più gol. E come dargli torto, infatti, dati alla mano prima di questo turno di campionato, con quattro partite non disputate a causa del Coronavirus i ragionamenti devono essere fatti senza includere la 25ª giornata che fornisce solo parziali risultati, il Torino in 24 gare ha segnato 27 gol ed è tredicesimo insieme al Genoa per reti realizzate. Di per sé il numero dei gol non è così scarso seppur vi tenda, però, aver segnato solo tre reti, delle quali una era un autogol, nelle ultime cinque partite, tutte perse, acuisce la questione.

Se poi a questo si aggiunge che parecchi tiri finiscono fuori dallo specchio della porta, allora il problema assume proporzioni più grandi. 190* sono i tiri in porta del Torino dei quali 102 in porta e 88 fuori con un divario di 14 che è oggettivamente basso e che fa dire che quasi un tiro ogni due non va a buon fine. Sono parecchi i giocatori dell’attuale rosa che il più delle volte hanno una mira non buona: De Silvestri (13 fuori, 4 in porta e 0 gol), Verdi (11; 6; 1), Meïté (6; 2; 0), Aina (5; 2; 0), Lyanco (4; 0: 0) e Lukic (3: 1; 0). Uno è in parità: Izzo (4: 4; 1). E anche chi inquadra meglio la porta non ha numeri eccellenti a parte qualcuno che si dimostra un po’ più bravo. Ansaldi (9 in porta, 8 fuori; 4 gol), Rincon (5; 4; 1), Baselli (3; 2; 0), Bremer (2; 1; 1) e Nkoulou (2; 1; 0). Fra coloro che fanno meglio ci sono: Belotti (32;13; 9), Zaza (12; 4; 3), Berenguer (10; 6; 5), Edera (2; 0; 0) e Millico (2; 0; 0), questi ultimi due inclusi nel gruppo tenuto conto del basso minutaggio che hanno e che pur non segando hanno sempre tirato nello specchio. Djidji non è incluso in nessun gruppo in quanto non ha effettuato alcun tiro verso la porta e Singo perché non ha ancora giocato neppure un secondo in campionato.

E’ evidente quindi che la mira dei giocatori del Torino va aggiustata e Longo ci sta lavorando per cui si spera che nelle prossime partite si possano vedere i frutti.

* Dati Lega Serie A