Il dubbio: uno o due attaccanti per affrontare la Fiorentina?

Ventura tra il 3-5-1-1 o il più classico e collaudato 3-5-2. In caso di due punte Quagliarella e Amauri si candidano. Oltre a Rossi e Gomez Montella deve fare a meno anche di Joaquin.
27.09.2014 11:47 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per TorinoGranata.it
Il dubbio: uno o due attaccanti per affrontare la Fiorentina?
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Il Torino nello scorso turno di campionato in trasferta con il Cagliari ha trovato un certo equilibrio che gli ha permesso si conquistare i primi tre punti in campionato e interrompere il digiuno da gol schierandosi con il 3-5-1-1. Vale a dire una sola punta, Quagliarella, con alle spalle il cosiddetto “falso nueve”, El Kaddouri, che poteva svariare permettendo così a Sanchez Miño, mezz’ala di ruolo, e ai terzini, Bruno Peres e Darmian di supportare la manovra offensiva, mentre in mezzo al campo Gazzi e Vives facevano da diga davanti alla difesa. Invece, nella prima partita di campionato affrontando l’Inter in casa e pareggiando, sbagliando pure un calcio di rigore, Ventura si era affidato al classico modulo il 3-5-2, con, in mezzo al campo, il solo Gazzi, Vives era squalificato, a interrompere la manovra della squadra di Mazzarri recuperando tantissimi palloni e smistandoli con precisione e tempestività ai compagni. Le mezze ali erano due, Nocerino ed El Kaddouri sostituito al 55’ da Sanchez Miño, e gli attaccanti due, Quagliarella e Larrondo, mentre nel ruolo di terzini agivano Darmian a sinistra e Maksimovic a destra fino a quando il serbo al 69’ ha lasciato il posto a Molinaro, che è un vero terzino e non come Nikola un centrale difensivo che si adatta anche a stare sulla fascia.

 

La Fiorentina ha problemi in attacco perché Rossi, Gomez e anche Joaquin sono infortunati e questo ha avuto ripercussioni sui gol, infatti, la squadra di Montella in quattro partite di campionato ha realizzato solo un gol, firmato dall’ex granata Kurtic domenica scorsa a Bergamo contro l’Atalanta. Per fortuna dei viola la difesa sta reggendo tutto sommato abbastanza bene avendo incassato solo due reti, dalla Roma nella prima giornata, così i punti in classifica sono cinque. La Fiorentina come l’Inter va in campo solitamente con una difesa a tre, mentre le altre squadre che il Torino ha affrontato finora, anche in Europa League, schieravano quattro uomini davanti al portiere, tenendo conto di questo e del fatto che i viola hanno gli uomini contati in attacco e che giovedì i granata affronteranno il Copenaghen si può ipotizzare che Ventura riproponga due attaccanti tornando al classico 3-5-2.

 

Quagliarella e Amauri quindi sono i maggiori indiziati a indossare le due maglie in accatto, tenendo conto che Barreto non è ancora disponibile e che Martinez sta proseguendo nel suo apprendistato di schemi e movimenti. Ovviamente non si può escludere l’utilizzo di Larrondo, però la maggior dimestichezza ad andare in gol e l’esperienza di Quagliarella e Amauri, almeno sulla carta, dovrebbero garantire più probabilità di gol. Se così fosse bisogna vedere se Ventura riproporrà in mediana il duo Vives-Gazzi o se preferirà avere due mezze ali e due terzini di ruolo. Darmian, Bruno Peres, Molinaro, Sanchez Miño, El Kaddouri, Benassi e Ruben Perez sono tutti pronti a scendere in campo e a contendersi quattro posti da titolari.