Il calendario del Toro: servono punti subito per la salvezza

02.06.2020 19:08 di M. V.   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Il calendario del Toro: servono punti subito per la salvezza

Come già anticipato in mattinata, la ripresa dopo tanto tempo lega la stagione attuale a quella precedente solamente per i risultati, perché di fatto, pur senza calciomercato, si tratta a tutti gli effetti di una nuova annata sportiva, anche se relativamente più corta. Verrà rifatta la preparazione, ed il Torino, scrollatosi di dosso i problemi ambientali interni di pochi mesi fa che hanno portato al tracollo, può ripartire con un gruppo sulla carta superiore, se non a tutte, almeno a molte concorrenti per la salvezza. Considerando le pochissime speranze di salvezza da attribuire a Spal e Brescia, il discorso relativo alla retrocessione riguarda una cerchia di almeno sei squadre (Genoa, Lecce, Sampdoria, Torino, Udinese e Fiorentina), con Cagliari e Sassuolo che comunque non vivono sereni nonostante i sette punti di vantaggio.

Per quanto riguarda i granata, lontani due punti ma con una gara ancora da recuperare, l'obbligo è di partire sfruttando appieno i due incontri casalinghi (fattore che purtroppo conterà poco o nulla) contro Parma e Udinese, perché poi il tour contro Cagliari, Lazio e Juventus lascia aperti troppi rischi di risultai negativi. Alcuni vantaggi di calendario, tuttavia, per il Torino esistono: con questi ritmi di risultati, a tre giornate dal termine è più che probabile, a meno di un'inversione di marcia oltre le aspettative, che la Spal abbia smesso di lottare, che la Roma lontana attualmente dalla prima inseguitrice Napoli, non sia più in lotta per la Champions senza rischiare l'Europa League e che il Bologna abbia già centrato la matematica salvezza. I tredici punti necessari a raggiungere quota quaranta possono arrivare tra le prime due (motivo per cui serve partire forte), dunque, e le ultime tre, sperando in qualche buon risultato anche nelle sfide intermedie al fine di migliorare un rendimento decisamente al di sotto delle aspettative.

Il calcio è tutto tranne che scontato, ma un sano ottimismo, dopo le vicissitudini con Walter Mazzarri al timone e nonostante tutte le difficoltà dal momento (come numero di giocatori in rosa), non fa poi così male.

20 giugno - 19.30 - Torino-Parma (recupero 25°)
23 giugno - 21.45 - Torino-Udinese
27 giugno - 19.30 - Cagliari-Torino
30 giugno - 19.30 - Torino-Lazio
4 luglio - 17.15 - Juventus-Torino
8 luglio - 21.45 - Torino-Brescia
13 luglio - 21.45 - Inter-Torino
16 luglio - 19.30 - Torino-Genoa
19 luglio - 19.30 - Fiorentina-Torino
23 luglio - 21.45 - Torino-Verona

25/26 luglio SPAL-Torino
28/29 luglio Torino-Roma
1/2 agosto Bologna-Torino