I soldi della cessione di Glik per prendere Ljajic più Iago Falque

Il Monaco è pronto a dare al Torino 12 milioni più 2 di bonus per il capitano granata. Trovato l’accordo con la Roma per Ljajic, manca quello con il giocatore, e Iago Falque può arrivare in prestito.
21.06.2016 07:00 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per Torinogranata.it
I soldi della cessione di Glik per prendere Ljajic più Iago Falque
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Glik, per sua stessa ammissione, è tentato di cercare gloria lontano dal Torino, la società granata cedendolo potrebbe incassare un bel gruzzoletto e fare una buona plusvalenza, il neo allenatore Mihajlovic non disdegnerebbe poter puntare sulla coppia di difensori centrali formata da Maksimovic e Tomovic: ci sono, quindi, le premesse per un addio che soddisfi tutti. E per un giocatore che va via ne possono arrivare altri due, infatti, il Torino ha trovato l’accordo con la Roma per acquisire a titolo definitivo il cartellino di Ljajic e insieme a lui, ma in prestito con diritto di riscatto, passerebbe in granata anche Iago Falque.  

Le pretendenti per Glik non mancano, alcune piste si sono un po’ raffreddate, Wolfsburg, Borussia Dortmund e Zenit San Pietroburgo, altre si mantengono a una temperatura media, Leicester City, altre ancora, invece, si sono scaldate, Besiktas e Monaco. Proprio il club del Principato di Monaco nelle ultime ore ha superato tutti gli altri pretendenti passando in pole position, complice anche l’Europeo che si disputa in Francia. Infatti, a margine della prima partita della Polonia, quella con l’Irlanda del Nord svoltasi a Nizza, rappresentanti del Monaco hanno incontrato il capitano del Torino facendogli una proposta decisamente interessante: 2 milioni di euro a stagione fino al 2021 con bonus a salire sino a sfiorare i 3 milioni nei prossimi 5 anni, con il club granata il contratto è fino al 2020 e l’ingaggio è inferiore al milione. Jaroslaw Kolakowski, procuratore di Glik, è in Francia e non solo per assistere alle partite. Il Torino vorrebbe cedere Glik per 15 milioni di euro, ma potrebbe anche accettare l’offerta dell’AS Monaco che è pronta a sborsare 12 milioni più 2 di bonus legati al raggiungimento della Champions League e alle presenze del giocatore. “Cinque anni in un club sono tanti, con il Torino abbiamo fatto un lungo ed emozionante cammino, ma non sono l’unico giocatore a essere migliorato: ogni anno sono stati venduti calciatori a grandi club. A Torino sto bene, è una città ideale per me e la mia famiglia, ho la tentazione di restare in un luogo dove mi trovo bene, però, penso anche al grande calcio, alle grandi sfide: mi piacerebbe giocare ad altissimi livelli” ha dichiarato nei giorni scorsi Glik.
Le offerte avvallate da Dmitry Rybolovlev patron del Monaco sembrano interessanti e sono molto serie e a questo punto la palla passa a Cairo, se accetta Glik a breve diventerà un giocatore del club monegasco, anche se le parti potrebbero concordare di ufficializzare l’accordo solo dopo la fine dell’Europeo.

Intanto il Torino si è mosso anche su altri fronti per dare a Mihajlovic una rosa competitiva e, come riportato da Sky, gli obiettivi Ljajic e Iago Falque stanno per concretizzarsi, l’accordo tra il club granata e quello giallorosso c’è già e oggi, o al massimo nei prossimi giorni, si dovrebbe tenere a Roma un summit per formalizzare il tutto, mancano però ancora i sì dei due giocatori. C’è ottimismo anche il tal senso perché Ljajic è in buoni rapporti con Mihajlovic che l’ha fatto debuttare in Nazionale quando era Ct della Serbia in più l’attaccante non rientra nei piani della Roma e l’Inter, che l’ha avuto in prestito, non ha intenzione di continuare il rapporto con lui. Unico problema, ma superabile, l’ingaggio di Ljajic che percepisce più di due milioni a stagione, però, prolungando il contratto magari spalmandolo su quattro anni e inserendo dei bonus e con l’aggiunta di un po’ di buona volontà da parte dell’attaccante, che ha bisogno di rilanciarsi e potrebbe ridurre le pretese, un accordo è più che ipotizzabile.
Nelle discussioni fra il Torino e la Roma si è trattato anche Iago Falque che con l’arrivo di Spalletti sulla panchina giallorossa non ha quasi più trovato spazio e quindi per lui andare altrove è la soluzione ideale. La Roma un anno fa pagò per Iago Falque al Genoa 9 milioni e gli fece un contratto fino al 2020, ma anche in questo caso la soluzione è a portata di mano con il prestito con diritto di riscatto. Lo spagnolo percepisce un po’ meno, 1,2 milioni, rispetto a Ljajic e di conseguenza non dovrebbe essere difficile per il Torino trovare anche con lui l’accordo soprattutto se Cairo vorrà rivedere un po’ al rialzo il tetto ingaggi, investire su giocatori che sono funzionali significa mettersi nella condizione di porsi obiettivi maggiori e lottare per raggiungerli.