Genoa-Toro, si gioca o no? La situazione

29.09.2020 06:00 di Emanuele Pastorella   Vedi letture
© foto di Image Sport
Genoa-Toro, si gioca o no? La situazione

I 14 casi di Coronavirus al Genoa hanno mandato in apprensione tutto il mondo del calcio italiano. Un vero e proprio focolaio, anche se per il professor Galli potrebbero addirittura esserci dei falsi positivi, dunque bisogna attendere ulteriori esami per valutare con precisione la situazione all’interno dello spogliatoio della squadra di Rolando Maran. Intanto, però, sorge spontanea la domanda: cosa ne sarà della sfida tra il Grifone e il Toro, attualmente in programma per sabato pomeriggio alle 18 allo stadio Ferraris? Per il momento, non ci sono decisioni ufficiali, da una parte perché i rossoblù dovranno effettuare altri tamponi e dall’altra perché in Lega non esistono regole precise. Ed era proprio quello che pretendeva il presidente Urbano Cairo qualche giorno fa: con quanti casi è necessario rinviare una partita? L’Uefa, ad esempio, ha deciso che in caso di 13 partite si può procedere con il rinvio, mentre nei palazzi del calcio italiano ancora non c’è una norma. Per questo motivo la situazione è nell’incertezza generale, mentre ci sono due precedenti: il Psg è sceso in campo contro il Lens con sette giocatori positivi, il Flamengo ne ha addirittura 16 e sta procedendo per via legali. Per Genoa-Toro bisogna aspettare, ma ovviamente il rischio rinvio è concreto.I 14 casi di Coronavirus al Genoa hanno mandato in apprensione tutto il mondo del calcio italiano. Un vero e proprio focolaio, anche se per il professor Galli potrebbero addirittura esserci dei falsi positivi, dunque bisogna attendere ulteriori esami per valutare con precisione la situazione all’interno dello spogliatoio della squadra di Rolando Maran. Intanto, però, sorge spontanea la domanda: cosa ne sarà della sfida tra il Grifone e il Toro, attualmente in programma per sabato pomeriggio alle 18 allo stadio Ferraris? Per il momento, non ci sono decisioni ufficiali, da una parte perché i rossoblù dovranno effettuare altri tamponi e dall’altra perché in Lega non esistono regole precise. Ed era proprio quello che pretendeva il presidente Urbano Cairo qualche giorno fa: con quanti casi è necessario rinviare una partita? L’Uefa, ad esempio, ha deciso che in caso di 13 partite si può procedere con il rinvio, mentre nei palazzi del calcio italiano ancora non c’è una norma. Per questo motivo la situazione è nell’incertezza generale, mentre ci sono due precedenti: il Psg è sceso in campo contro il Lens con sette giocatori positivi, il Flamengo ne ha addirittura 16 e sta procedendo per via legali. Per Genoa-Toro bisogna aspettare, ma ovviamente il rischio rinvio è concreto.