ESCLUSIVA TG - Silva, MundoNapoli: "Gattuso ha creato un Napoli operario. Il Toro è forte, si salverà"

Il direttore di MundoNapoli su Simone Verdi: "Si è sentito arrivato dopo aver indossato certe maglie, avrà bisogno di ripartire dal basso per ritrovarsi"
29.02.2020 17:45 di M. V.   vedi letture
ESCLUSIVA TG - Silva, MundoNapoli: "Gattuso ha creato un Napoli operario. Il Toro è forte, si salverà"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

TorinoGranata.it ha intervistato in esclusiva l'amico e collega Cosimo Silva, direttore di MundoNapoli.it, in merito alla sfida di questa sera tra il Napoli ed il Torino.

Come arriva il Napoli a questa partita?
Ci arriva con l'entusiasmo di una squadra ritrovata. Sin dal suo arrivo, Gattuso ha puntato su tredici o quattordici uomini delineando il gruppo, con esclusioni importanti, creando un'identità che sta dando certezze ai suoi giocatori. Un'identità che prima non aveva. Ancelotti è un tecnico che sa valorizzare i giocatori sfruttando al meglio le loro caratteristiche, ma questo meccanismo funziona solo fino a quando le cose vanno bene. Poi Gattuso ha messo ordine, costruendo un Napoli operario, che probabilmente vedremo anche questa sera. Questo nuovo Napoli, infatti, cerca di far scendere l'avversario al limite dell'area facendogli alzare il baricentro per poi colpire in contropiede. Lo si è visto con il Barcellona, mentre invece contro il Lecce ha sofferto perché ha giocato ad offendere venendo ferito in contropiede nelle uniche tre occasioni in cui i giallorossi si sono mostrati estremamente cinici. Ad oggi il limite del Napoli è che quanto spinge non sfrutta le possibilità di segnare e prende gol nelle ripartenze, diversamente da quando agisce da squadra operaia. A prescindere da questo, per i partenopei conquistare i tre punti sarebbe fondamentale, dev'esserci l'obbligo di credere ancora al quarto posto.

Come è visto il Toro a Napoli?
A me piace tanto il tecnico Mazzarri, a lui siamo molto legati. Ma Mazzarri ha una parabola, che all'inizio è fatta di grinta, entusiasmo, motivazione, foga agonistica, poi si spegne con il passare del tempo. Nell'ultimo periodo si è visto un Toro dove la parabola stava inesorabilmente finendo. Mazzarri consuma mentalmente e fisicamente i suoi giocatori, per questo motivo non può durare troppo a lungo nello stesso ambiente. Credo che il Toro sia un gruppo da Europa League, almeno sulla carta, ma ad inizio stagione si è trovato a lavorare con una rosa più lunga, una situazione in cui lui va sempre in difficoltà. Sono sicuro che il Toro farà una partita importante, il Napoli ha consumato tante energie nervose con il Barcellona, poi in settimana avrà anche il ritorno contro l'Inter e nuovamente il Barcellona. Se il Toro lascerà spazi avrà più opportunità di portare a casa un risultato positivo. Penso comunque che Longo porterà il Torino a salvarsi.

Verdi sta deludendo le attese sotto la Mole
Verdi ha avuto a Bologna la sua massima espressione calcistica, ma se ricordate ha deluso anche nella Juve Stabia. Poi al Bologna ha fatto benissimo, ha fato bene anche al suo primo anno al Napoli, non benissimo però, cominciava a dare l'impressione di sentirsi arrivato. A parte la parentesi con i felsinei, è sempre stato un calciatore al cinquanta per cento. Ci sono dei giocatori che hanno il carattere el campione e alimentano gli stimoli in qualunque situazione per raggiungere i risultati, ce ne sono altri che quando arrivano in certi club si sentono realizzati, e la fame finisce. Un po' come accaduto con Ciro Immobile tra Dortmund e Siviglia dopo il Torino. Sul mercato fu anche vicino al Napoi che poteva prenderlo per pochi spiccioli, lui ha scelto di ripartire dalla Lazio in cui sta facendo grandi cose, tra i biancocelesti è scattata nuovamente la fame. Forse Verdi avrebbe bisogno di ripartire dal basso per ritrovare gli stimoli.

Per Belotti c'è l'interesse del Napoli
Il Napoli è su di lui da almeno da tre anni, ma Cairo gli ha messo sopra una clausola improponiible per tutti. Oggi con le prestazioni deludenti del Toro, ne esce un po' ridimensionato, De Laurentiis può ritornare alla carica a fine stagione. Oltretutto è stato acquistato Petagna, un giocatore che al momento non pare ciò che serve al Napoli, ma che potrebbe essere girato al Toro nell'operazione proprio Belotti. Il Gallo sarebbe l'attaccante ideale per il Napoli, è uno che segna gol incredibili, forte fisicamente, capace di andare in rete in ogni modo, è un animale da area di rigore, sarebbe il tassello perfetto per l'attacco di questo Napoli che si appresta a rinascere per la prossima stagione.