Cairo per Peres vuole almeno 20 mln: le pretendenti sono avvertite

Dall’Inghilterra sono arrivate offerte per il terzino, ma non in linea con la valutazione del cartellino fatta dal Torino. Resta l’interesse per Peres da parte di Roma e Paris e Saint Germain.
30.06.2016 13:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin per Torinogranata.it
Cairo per Peres vuole almeno 20 mln: le pretendenti sono avvertite
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Non solo il  Watford vorrebbe Bruno Peres e per questo il club londinese della famiglia Pozzo ha offerto al Torino 14,5 milioni di euro, l’altra pretendente d’oltre Manica che si è fatta avanti nelle ultime ore è il Manchester City che ne ha proposti 15. E’ facile immaginare quale sia stata la risposta del Torino: “Manco in fotografia”, visto che Cairo tempo fa aveva detto che “Per 15 milioni non faccio vedere neanche la fotografia di Peres”. Nel mondo delle negoziazioni è nomale che spesso ci sia differenza fra l’offerta e la domanda, ma 5,5 o anche 5 milioni in meno sono una cifra considerevole e di conseguenza o si tratta di un primo approccio oppure la trattativa è destinata a non decollare.

Il terzino interessa in particolare alla Roma e al Paris Saint Germain, anche se nelle ultime ore si registra un certo raffreddamento dei francesi con possibile virata verso Meunier. Tutto questo mette il Torino in una posizione di forza, tanto più che il club di Cairo ha i conti in attivo e non ha bisogno di fare cassa per spendere in sede di mercato, che poi preferisca prima incassare e poi investire soldi in nuovi giocatori è un altro discorso. La valutazione del patron granata per Bruno Peres non è destinata a scendere, se ne facciano una ragione le pretendenti. Solo arrivando a offrire una cifra vicina ai 20 milioni la trattativa può avviarsi.

La Roma da tempo è sulle tracce del giocatore, infatti, aveva provato a prenderlo già prima che approdasse al Torino, ma non fu trovato l’accordo poiché parte del cartellino, dell’allora giocatore del Santos, apparteneva a un fondo e non tutti avevano detto sì alla sua cessione alla Roma, che offriva una cifra tra i due e i tre milioni di euro. Il club giallorosso ha poi continuato a provare strapparlo al Torino senza riuscirci ed è intenzionato a portare a buon fine la trattativa in questa sessione di mercato, ma un accordo non c’è ancora e il tormentone “Peres resta o va via?” è destinato a tenere banco anche questa estate, salvo che non arrivi l’offerta che Cairo ritiene equa.