Bremer più Buongiorno: i granata hanno in casa la difesa del futuro

13.04.2021 09:30 di Emanuele Pastorella   Vedi letture
Bremer più Buongiorno: i granata hanno in casa la difesa del futuro
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Il Toro guarda già al futuro, a livello anagrafico avrebbe già la difesa di domani. Da una parte Bremer, dall’altra Buongiorno: sono loro le più belle sorprese del momento in casa granata, la vittoria di Udine porta anche e soprattutto le loro firme oltre a quella sul rigore vincente di Belotti. La squadra di Nicola non ha rischiato praticamente nulla alla Dacia Arena, se non nell’iniziale incomprensione tra lo stesso centrale classe 1999 e il portiere Milinkovic-Savic, e per la sesta volta in stagione è riuscita a mantenere inviolata la propria porta.

Bremer si sta confermando sempre più un gioiello del presidente Cairo: le avances dall’Inghilterra stanno cominciando ad arrivare, ecco perché da via Arcivescovado vorrebbero velocizzare le pratiche di rinnovo di un contratto in scadenza a giugno 2023. C’è ancora tempo, è vero, ma c’è anche da ritoccare un ingaggio che, attualmente, oscilla intorno al mezzo milione. Troppo poco per un calciatore che, se confermerà i miglioramenti, non varrà meno di 25 milioni. Ha dimostrato di saper giocare non solo nella difesa a tre, ma anche in quella a quattro, oltre a poter agire da mezzo sinistro e pure da regista arretrato.

Su questo dovrà ancora lavorare Buongiorno, ma la sua carta d’identità segna due anni in meno: Bremer ha spento 24 candeline lo scorso marzo, il prodotto del vivaio granata ne farà 22 il prossimo 6 giugno. I margini sono ancora enormi, lui intanto ha dato ampie garanzie di fronte ad avversari come Ibra e CR7, o come ultimi Llorente e Okaka. Cresciuto a pane e Toro, le esperienze di Carpi e Trapani hanno consegnato alla prima squadra un difensore promettente ma già affidabile, tant’è che a Udine è arrivata la sua seconda titolarità consecutiva.

Intanto, la squadra si ritroverà oggi per la ripresa degli allenamenti: dopo due giorni di riposo, infatti, il tecnico Nicola ha convocato i suoi ragazzi al Fila per cominciare la settimana che porterà alla sfida interna contro la Roma. Lo staff medico continuerà le valutazioni su Lyanco, da diversi giorni tormentato da una fastidiosa lombalgia, e su Singo, che sta aumentando i carichi di lavoro dopo l’infortunio muscolare che lo tiene indisponibile dal derby.