Al Torino servono i gol di Belotti & company per espugnare il Dall’Ara

I granata devono premere sull’acceleratore per togliersi dal gruppone delle squadre che affollano la parte centrale della classifica.
20.10.2018 10:28 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Elena Rossin
Belotti e Mazzarri
TUTTOmercatoWEB.com
Belotti e Mazzarri
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

C’è poco da dire ma solo con i gol il Torino può cambiare marcia e risalire quelle due posizioni in classifica e mettersi alle spalle la nutrita schiera di concorrenti o comunque di squadre che lo affiancano o lo precedono, Genoa, Milan, Parma, Sassuolo, Fiorentina, Roma e Sampdoria, in modo da collocarsi nei posti utili all’Europa League. Va da se che per riuscire nell’intento e non nell’impresa, perché si tratta di cosa fattibile e non di un quasi miracolo, sia indispensabile l’apporto degli uomini preposti a segnare. Belotti per primo, ma anche Falque, Zaza e a seguire tutti gli altri che con i gol hanno una certa dimestichezza.

I nove gol finora realizzati sono pochini tenuto conto che sono stati realizzati in otto giornate e tanto più poiché vanno di pari passo ai nove subiti. Con il Bologna Belotti & company dovranno fare di più e meglio rispetto a ciò che hanno fatto finora. Il “Gallo” è fermo a quota due, Zaza a uno e Falque a zero, quindi, è scontato che da loro ci si aspetti di più, molto di più. Non è questione di mettere pressione perché sono professionisti e navigati, ma pura necessità e loro come anche altri nel Torino hanno nelle corde la possibilità e la capacità di infilare la palla nella porta avversaria. Servono determinazione, concentrazione e lucidità sotto porta.

Il Bologna è un avversario da rispettare perché ha anche qualità, però, il Torino non deve temerlo. Avere un atteggiamento pavido porta solo a sbagliare di più. Questo non significa che i granata debbano credere che sarà una passeggiata ovviamente, ma devono essere consapevoli che possono battere i felsinei perché, con tutto il rispetto per gli avversari, hanno qualità superiori e di conseguenza hanno l’obbligo di sfruttarle fino in fondo. A Mazzarri e al suo staff sta preparare al meglio la partita e mandare in campo la formazione giusta, ai giocatori fare il loro dovere in campo. La partita con il Bologna è un ottimo banco di prova per verificare se le lacune che si sono viste nelle prime otto giornate sono state superate.