Turco: "La Roma è superiore al Toro, ma non sarà una gara facile. Vanja potrebbe essere una soluzione interessante e curiosa sulle punizioni"

28.11.2021 10:30 di Elena Rossin   vedi letture
Fonte: Vocegiallorossa.it
Vanja Milinkovic-Savic
TUTTOmercatoWEB.com
Vanja Milinkovic-Savic
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Fabrizio Turco, giornalista de La Repubblica, è stato intervistato su Roma-Torino da Vocegiallorossa.it ecco che cosa ha detto.

Che partita si aspetta? Come si affronteranno le due squadre?
“Il Torino è una squadra aggressiva, che non cambia il modo di giocare a seconda dell’avversario. Prova sempre a impostare il proprio gioco col pressing alto e anche stasera proverà a giocare così. Chiaramente c’è un gap qualitativo importante tra le due squadre che potrà fare la differenza, la Roma è favorita, ma non deve immaginare una partita facile”.

Il Toro ha una grande tradizione dì attaccanti, da Pulici, su cui lei ha scritto un libro, a Belotti, il cui futuro tiene banco in questi giorni. A tal proposito, a che livello di condizione è il Gallo e quale sarà il suo futuro?
“La situazione di Belotti è molto complicata: lui ha scelto di non firmare il rinnovo del contratto e a giugno potrà andare via a zero e probabilmente così accadrà. Ora è difficile immaginare un riavvicinamento delle parti, ma Belotti ha promesso a Juric di rimanere fino a giugno col massimo dell’impegno. Belotti andrà via a fine campionato, ma fino a quel momento sarà un valore aggiunto per il Torino. Per quanto riguarda la sua condizione, Juric ha detto che dovrebbe stare al 70%. Lui deve trovare continuità, deve allenarsi e continuare a lavorare”.

Il Torino, grazie a Juric, è una delle squadre che è migliorata di più rispetto allo scorso anno: si aspettava questo impatto dal tecnico?
“No, non mi aspettavo che riuscisse a cambiare il volto della squadra così in fretta. Ci sono giocatori nuovi, ma Juric è stato bravo a recuperare i giocatori che da due anni vivevano stagioni da incubo. Juric si è ritrovato con la spina dorsale di quella squadra e ha creato un nuovo entusiasmo, ridando fiducia ai giocatori”.

C’è davvero la possibilità che Milinkovic-Savic “alla Rogerio Ceni” batta le punizioni al Torino?
“Il Torino ha un problema sulle punizioni, Milinkovic-Savic quindi potrebbe essere una risorsa perché ha un calcio preciso e potente. Ci sono delle situazioni tattiche da studiare, ma potrebbe essere una soluzione molto interessante e curiosa”.

Tra i possibili partenti in casa Roma c’è Kumbulla, che Juric ha allenato al Verona: può essere una soluzione per i granata?
“Lo sarebbe, ma credo che ci siano delle trattative economiche che potrebbero non essere facili. Il giocatore è apprezzato da Juric, ma non sarebbe facile trattare”.

La Roma sarà praticamente senza centrocampo col Torino, questo può essere un fattore decisivo per il match?
“La Roma è una squadra nettamente superiore al Torino e ha un grandissimo allenatore, parliamo di due realtà molto diverse. Poi, secondo me, le partite alla fine si vincono a centrocampo e quindi queste difficoltà possono migliorare le opzioni granata”.