Toro, un punto e poca gloria

07.11.2010 10:40 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: www.srweb.eu
Toro, un punto e poca gloria
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca

Lerda si copre e lascia fuori i terzini che "spingono" Garofalo e D'Ambrosio e schiera Rivalta e Zavagno, rinunciando così già in partenza ad una delle fasi offesive, segnando così la partita.

 

Primo non prenderle era il motto di giornata e così è stato, anche se questa difesa a quattro bloccata snatura il Lerda-pensiero sul modulo di gioco, che rimane però invariato per quanto riguarda l'attacco, cioè con le punte larghe e nei fatti Bianchi abbandonato a se stesso.

 

La partita scivola via un po' noiosa se non fosse per il solito Ogbonna che ogni tanto cerca di ravvivarla con qualche dormita ma in buona sostanza di brividi se ne corrono pochi e l'uomo più pericoloso appare sempre Sgrigna.

 

Preoccupa un poco l'involuzione di Bianchi che pur applicandosi, non viene adeguatamente servito e finisce con l'intristirsi incartandosi su se stesso, mentre Zavagno da desaparecidos è passato ad essere titolare fisso, portando via il posto ad un Garofalo che era stato fra i più positivi fino ad ora.

 

Ma non vogliamo lamentarci sempre e comunque, il punto serve a muovere la classifica e come si dice in questi casi ... serve per il morale, certo che la zona play off è sempre lontana quattro punti e la promozione diretta otto, ma questo non è ancora il momento dei sogni di gloria perchè il cammino è ancora molto lungo.

 

Il Novara frena contro un Ascoli in disarmo e questo potrebbe essere un primo segnale di cedimento, certo che il sestetto di testa (promozione diretta e Play-off) appare ben assortito e Siena, Atalanta e Reggina vincono allungando sui granata.

 

Il Mister non voleva perdere e ci è riuscito, se poi in effetti la squadra ha fatto un passo avanti è ancora tutto da scoprire, certo che con una difesa così il Toro non aveva ancora giocato, ma per la prossima (infrasettimanale) con l'Albinoleffe, che ha suonato il Sassuolo, siamo certi che Lerda inventerà qualche cosa di diverso ... continuamo a dire che Bianchi ha bisogno di un supporto li davanti altrimenti lo si disinnesca a priori e alla fine si potrebbe anche correre il rischio di perderlo ... la pazienza di fatti non è infinita.

 

GMC