Pecci: “Il Torino i giocatori alla Lukaku deve costruirseli in casa”

L’ex giocatore è stato intervistato da Tuttosport e ha parlato tra le altre cose del mercato e dei giovani.
13.08.2019 12:10 di Elena Rossin   Vedi letture
Fonte: Tuttosport
Eraldo Pecci
Eraldo Pecci

“Partiamo dal presupposto – ha detto Pecci - per il quale non cambiare, sotto alcuni punti di vista, rappresenta già di per sé un valore.  Ma anche una buona base di partenza può essere migliorata con qualche ritocco”. Alla domanda dove servono i rinforzi ha risposto: “Innanzitutto a centrocampo. Il reparto è già bello tosto sia chiaro, ma vedo molta energia e non altrettanta qualità, caratteristica che può aiutarti a girare le partite”.

E sull’arrivo di Verdi ha puntualizzato: “Lo reputo un prospetto molto interessante, anche se si porta dietro di domanda  perché  la squadra ha bisogno di un elemento di grande continuità, di un giocatore che ogni volta in pagella prende 6,5 e non di uno che due volte prende 8 e nelle due successive 5. Verdi è reduce da una stagione nel Napoli in cui è stato poco impiegato e nel Torino dovrà avere continuità di rendimento”.

Mentre su Zaza ha detto: “In attacco Zaza resta una bellissima speranza, ma anche lui è un'incognita dopo la scorsa stagione al di sotto delle aspettative anche se ha cominciato la nuova annata molto bene, ma visto il livello dell'avversario incontrati finora in Europa il dato lascia un po' di tempo il tempo che trova. Il potenziale però non gli manca”.

E su Millico: “È difficile poter valutare con certezza un prospetto così giovane, ma è evidente a tutti che le premesse nel suo caso siano ottime. Il toro deve ripartire da questa prerogativa: avere un Millico in rosa deve essere la normalità. Averne due sarebbe ancora meglio". Puntualizzando che: “Lanciare giovani cresciuti in casa importante ovunque, ma in una piazza come quella Granata è fondamentale. Se fai due punti in meno in classifica, Ma lancio un giovane in più, il popolo del Toro e anche più contento. E poi non è mica detto che la relazione tra le due cose sia per forza questa e per dirla in maniera estremamente concreta: il toro non può avere la forza per andare a prendere sul mercato un giocatore come Lukaku per poco meno di 100 milioni di euro. Ma ha tutte le carte in regola per forgiare il mio settore giovanile un nuovo Pulici e trattenerlo”.