La nostra Tauromachia

21.10.2008 10:01 di Marina Beccuti   vedi letture
La nostra Tauromachia
TUTTOmercatoWEB.com

Tauromachia, parola composta, dal greco “Tauros” (Toro) e “machia” (battaglia), consisteva in un combattimento tra tori o tra uomini e tori.

Tauromachia nella quale noi tifosi siamo i tori, giocatori e società gli uomini.

Purtroppo, continuando di questo passo noi tifosi, con i nostri atteggiamenti esasperati dall’infinita fede e passione e soprattutto affamati di una gloria appartenutaci in un lontano passato e che per ora non vuol sentirne di tornare; i giocatori, forse non ancora pronti ad indossare questa maglia in quanto non ancora infusi di spirito granata; la società ancora troppo giovane e non ancora sufficientemente pregna della nostra cultura; arriveremo alla nostra tauromachia, a quello scontro dal quale purtroppo non emergeranno vincitori, ma soltanto eterni sconfitti.

Sabato noi tifosi, indubbiamente, non faremo mancare il nostro consueto attaccamento alla maglia, ai colori, alla bandiera. Dimenticando per un attimo l’evolversi di una situazione patetica, di una squadra e una società senza attributi; attributi che non avranno la possibilità di affiorare fintanto che il nostro presidente non affiancherà la società con qualcuno di veramente granata, in grado di insegnare quel tremendismo e quello spirito granata che contraddistinguono il nostro essere.

Gli insulti a Matteo Sereni sono purtroppo l’esempio che anche in mezzo a noi (in una parte esigua, per fortuna) esistono tifosi che con il tremendismo e lo spirito granata non hanno nulla a che spartire. Va detto però, che la sua reazione è ulteriore dimostrazione, che nessuno in società insegna quale sia il valore aggiunto dei tifosi del Toro e quale rispetto incondizionato essi meritino.

Il derby allora non dovrà essere la nostra tauromachia, qualsiasi risultato debba venire, positivo o negativo, dovrà essere il nostro nuovo punto di partenza.


La società, il presidente, deve dare, ora, una svolta non sportiva ma morale, dimostrino giocatori, tecnici, dirigenti e presidente stesso di essere degni della nostra storia ma soprattutto del nostro futuro.

CCTC (Centro Coordinamento Toro Club)