Arriva al Toro un giovane Sala, Radice lo trasformerà nel Poeta del Gol

08.07.2019 06:35 di M. V.   Vedi letture
Arriva al Toro un giovane Sala, Radice lo trasformerà nel Poeta del Gol

Nel 1969 il Torino di Orfeo Pianelli, in una lunga trattativa all'Hotel Principe e Savoia di Milano, acquista per l'enorme cifra, all'epoca, di quattrocentosettantacinque milioni di Lire il centrocampista appena ventiduenne Claudio Sala dal Napoli (in contemporanea, la società granata trattava lo scambio con la Juventus tra Aldo Agroppi e Gianfranco Zigoni, poi non concretizzato per volere dei bianconeri). Sta cominciando a formarsi il gruppo che vincerà lo scudetto del 1975/1976, sfiorandolo l'anno successivo, e Sala, ribattezzato il poeta del gol, contribuirà a fior di assist alle tantissime reti realizzate dai gemelli del gol Paolo Pulici e Francesco Graziani, soprattutto da quando l'arrivo di Luigi Radice lo sposterà definitivamente sulla fascia. Il fatto curioso, fu la scelta del presidente del Napoli il quale, prima di firmare l'accordo sul trasferimento, uscì dall'hotel per andare ad acquistare delle cravatte.