Il rebus delle comproprietà granata ha i giorni contati

14.06.2012 09:18 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Roberto Fadda per TorinoGranata
Il rebus delle comproprietà granata ha i giorni contati
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Image Sport

In questi giorni pieni di incontri con agenti, società e briefing di mercato, i dirigenti granata dovranno riuscire a trovare il tempo per risolvere la questione comproprietà. Sono diversi i nodi da sciogliere entro  le 19 del 22 giugno ed evitare così di andare alle buste con le altre squadre che detengono il 50% del cartellino di diversi giocatori del Toro. La deadline è sempre più vicina ma al momento non è stata ancora definita nessuna  compartecipazione.

Il caso più spinoso è quello riguardante Mirco Antenucci. L’attaccante molisano, capocannoniere granata nell’ultima stagione, sarà uno dei punti di forza nella prossima serie A nella quale potrebbe finalmente esplodere definitivamente. Il presidente Cairo acquistò  la metà  di Antenucci  dal Catania nel gennaio 2011. L’estate scorsa la compartecipazione è stata rinnovata ed ora il Toro ha intenzione di riscattare l’intero cartellino. La richiesta della  squadra siciliana si aggira intorno ad 1.700.0000€ e non pare disposta a concedere uno sconto sulla sua metà. In questi giorni bisognerà  raggiungere un accordo anche perché il giocatore vuole rimanere in granata e per il mister è uno degli attaccanti su cui puntare insieme a Meggiorini. La punta veronese, a metà con il Genoa, rappresenta un altro caso spinoso da trattare con attenzione, ma ci sono ottime probabilità che la comproprietà venga rinnovata.  Con il club genoano sono in ballo diversi affari e non è da escludere che il giocatore diventi interamente del Toro. Sempre per quanto riguarda il reparto offensivo andranno affrontate anche le situazioni di Ebagua con il Varese e di Comi e Verdi con il Milan.

A centrocampo i discorsi riguarderanno soprattutto la fascia destra, visto che si dovrà trovare la soluzione per trattenere Stevanovic e definire  la posizione di Surraco con l’Udinese con la quale c’è una promessa di riscatto che dovrà essere mantenuta. Per quanto riguarda il reparto arretrato invece le trattative vedranno come protagonista Glik, che sarà uno dei pilastri anche la prossima stagione e Benedetti, la cui compartecipazione con l’Inter dovrebbe essere con qualche escamotage rinnovata. Successivamente il giovane difensore verrà girato in prestito in un altro club. Le ultime buste da evitare saranno quelle per Carrieri (Varese), Taraschi (Spal) e  Sperotto (Reggiana), che faranno un’altra esperienza lontano da Torino per continuare la loro crescita.