Meteora granata: Mario Antonio Salgado

18.10.2019 12:30 di Marcello Ferron   Vedi letture
Fonte: Wikipedia.org
© foto di Federico De Luca
Meteora granata: Mario Antonio Salgado

Il nome di Mario Antonio Salgado è uno di quelli che probabilmente sono stati dimenticati molto presto dai tifosi granata. L'attaccante cileno, è infatti transitato sotto la Mole per un anno, diviso in due metà stagioni, la seconda parte della 2009-2010 e la prima parte del 2010-2011, lasciando però sostanzialmente pochissime tracce del proprio passaggio. Infatti, in quella stagione con la maglia del Toro, Salgado chiuderà con il magrissimo bottino di una rete in soltanto 6 presenze, una vera e propria meteora insomma.

Al suo arrivo in granata, certamente il suo non era un nome sconosciuto ad appassionati ed addetti ai lavori, visto che non si trattava del classico giovane sconosciuto, ma di una punta esperta con già numerose esperienze alle spalle, alcune delle quali anche decisamente positive, nella provincia italiana. Nelle due stagioni precedenti infatti, era andato sempre in doppia cifra come numero di reti, con le maglie di Foggia ed Avellino, ed anche nella prima parte della stagione 2009-2010, con la maglia dei Satanelli, aveva già realizzato 5 gol. Il Toro, nel gennaio 2010, decide quindi di puntare su di lui, che all'arrivo in granata si presenta voglioso di sfruttare l'opportunità concessagli dai granata per riuscire finalmente a consacrarsi anche fuori dalla provincia, entusiasta della nuova esperienza e con l'obiettivo di conquistare un posto nella rosa della nazionale cilena per gli imminenti mondiali sudafricani. Le buone intenzioni non vengono confermate dal campo. Nella seconda parte della stagione 2009-2010 Salgado trova poco spazio, gioca a malapena 6 partite, e per vedere il suo primo gol bisogna attendere il primo maggio, quando realizza il suo primo, e rimarrà anche l'unico, gol in maglia granata, in occasione di un match contro il Gallipoli terminato 2-0. Nonostante una stagione difficile, il Toro, che lo aveva acquistato in comproprietà, decide di acquisirne anche la seconda parte del cartellino. L'inizio della stagione 2010-2011 è però, se possibile, ancora peggiore della precedente. Salgado è sempre più ai margini della rosa e fino a gennaio non totalizza una singola presenza. Si arriva così alla decisione di rescindere il contratto.

Dopo la difficile esperienza al Toro Salgado torna in patria al Colo Colo, e da que momento rimane sempre nel campionato cileno, cambiando diverse squadre, ultima delle quali il Naval, dove è arrivato nel 2016. La sua esperienza a Torino è stata purtroppo decisamente da dimenticare, e quel salto di qualità che Salgado sperava di compiere, seppur in ritardo, una volta arrivato in granata, non si è mai concretizzato.