C'è una meteora granata tra i bielorussi dello Shakhtyor

06.08.2019 09:25 di Claudio Colla   Vedi letture
© foto di Marco Conterio
C'è una meteora granata tra i bielorussi dello Shakhtyor

Difficile per lui, immaginiamo, pensare che prima o poi il suo percorso avrebbe nuovamente incrociato la strada di quel Toro che prima lo aveva ingaggiato, nell'estate 2015, per poi mai utilizzarlo in campionato. L'unica presenza ufficiale in maglia granata per Vasil Pryima resta il match di Coppa Italia, datato 1° dicembre 2015, vinto 4-1 contro il Cesena: ingresso in campo al 40esimo minuto della ripresa, al posto del veterano Cesare Bovo, in quella che fu l'ultima stagione granata a guida Ventura. Quasi inevitabile la cessione invernale, Pryima approda tra le file del Frosinone, alla prima stagione di A nella storia dei ciociari, poi retrocessi: il difensore ucraino, che qualche soddisfazione in più, in termini di minutaggio, riesce ad accumularla, resta canarino anche per il 2016/17, stagione cadetta durante la quale colleziona 18 presenze in campionato, segnando anche il suo primo e (finora) unico gol nel calcio italiano, contro il Cittadella.

Nell'estate 2017 il ritorno in patria, tra le file dello Zorya Luhansk, e, a metà dello scorso febbraio, l'arrivo in Bielorussa, tra le file di quello Shakhtyor Soligorsk che, tra il prossimo giovedì e quello successivo, si opporrà con tutte le proprie forze al Toro di Mazzarri. Pryima vede granata, ancora una volta, e questo tuffo nel passato, blast from the past per dirla all'americana, difficilmente, al di là dell'importanza e del prestigio dell'impegno di Europa League in sé, lo lascerà indifferente.