Toro: i più e i meno dopo il Cagliari. Buon Toro, ora si può pensare serenamente al futuro

Legenda: - - prestazione da dimenticare; - sotto lo standard abituale; 0 nella norma; + prestazione ottima; + + straordinario.
31.03.2014 12:12 di Marina Beccuti   vedi letture
Fonte: Flavio Bacile per TorinoGranata @flavio_bacile
Toro: i più e i meno dopo il Cagliari. Buon Toro, ora si può pensare serenamente al futuro
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Padelli: 0 nella sostanza, un tiro, un gol. Difficile però trarre un giudizio, l’impressione è che non potesse fare meglio. Alla fine un nulla di fatto.

Maksimovic: 0 una partita senza infamia e senza lode. Il Cagliari è poca cosa in attacco, e lui sbaglia pochissimo. Penso possa fare meglio, come attenzione, e soprattutto in fase d’impostazione.

Bovo: + tornato al centro della difesa, sfodera una buonissima prestazione. Non una sbavatura, nessun inciampo e nessun fallo banale. Insomma è tornato il Bovo che conoscevamo.

Glik: + forse non è sempre precisissimo, ma mette in campo ardore è volontà che incarna pienamente lo spirito granata. Nel secondo tempo sale sugli scudi, spezza ogni trama dei cagliaritani senza risparmiare una goccia di sudore.  Tra i miei preferiti.

Basha: 0 fare il terzino destro non è proprio il suo pane quotidiano, specialmente quando deve appoggiare la fase offensiva. Meglio quando deve rincorrere e mettere pressione all’avversario. Recupera buoni palloni, ma non è mai decisivo. Comunque positivo.

Darmian: + una prestazione sulla fascia sinistra, che ricalca quelle ottime fatte sulla fascia opposta. Attacca, difende, morde ed azzanna. Un treno sulla corsia sinistra. Vero, che quando raggiunge la linea di fondo, deve darsi da fare più del dovuto, ma nella sostanza una prova maiuscola.

Kurtic: + meglio rispetto alle ultime uscite. Questa volta tanta quantità, ma anche qualità. È tra i più propositivi del centrocampo granata, forse spreca qualche pallone, ma è sempre tra i primi ad aiutare in raddoppio il proprio compagno, ed a riproporsi in fase propositiva.

Vives: + + prestazione con i fiocchi. Tanta, tantissima sostanza. Un baluardo insuperabile  in fase di contenimento, cresce poi tantissimo in fase d’impostazione nella ripresa. Suo il lancio per Cerci, per il secondo gol dei granata. Con l’ingresso di Tachtsidis cambia posizione, giocando più in appoggio delle punte, e non delude neanche in questo frangente.

El Kaddouri: 0 diciamo la verità, il gol alza di molto la sua media. Non ha fatto una grandissima partita, continua ad essere troppo Narciso per quanto mi riguarda, sbaglia qualche tocco di troppo, e fatica a trovare una posizione importante in campo. Migliora nella ripresa, senza però eccellere. Stizzito da qualche fischio, pensi invece che può fare meglio.

Cerci: + + tornato sulla sua “amata” fascia destra, torna il Cerci di sempre. Intendiamoci, non è solo una questione di posizione, perché con le sue caratteristiche può fare bene, in attacco, in tutte le posizioni. Aveva bisogno di ritrovare sicurezza e meccanismi a lui noti. Risultato, partita alla Cerci. Tanti affondi, un assist praticamente inventato dal nulla, un gol, non facilissimo, su imbeccata di Vives, ed una serie infinita di palloni giocati con il cuore.

Meggiorini: + lo premio, per l’impegno che mette su ogni pallone. Non è mai stato un goleador, ma un attaccante che gioca per la squadra, che si sacrifica in copertura, che non tira mai indietro la gamba, e che corre per tre. Per me contro il Cagliari ha fatto una buona partita, ecco tutto.

Farnerud: 0

Tachtsidis: 0

 Vesovic: 0

Considerazione sulla partita: non proprio bellissima, ma a senso unico. Vinta meritatamente dal Toro, che poteva anche chiudere con un punteggio più largo. Dal punto di vista tattico, un capolavoro di Ventura, che ha permesso al Cagliari un solo tiro in novanta minuti, ma non solo, che ha messo in difficoltà la difesa dei sardi con la posizione di El Kaddouri, spesso da vertice alto offensivo con Meggiorini e Cerci pronti ad innescarsi, i tagli di Kurtic, i lanci lunghi di Bovo e Vives, e le percussioni di Darmian. Insomma buon Toro, che mostra, a mio avviso, una importante crescita dal punto di vista tattico. Il Toro ha fatto in campo, quello che aveva programmato di fare durante la settimana, il Cagliari no.

Classifica dopo la dodicesima di ritorno: 

16 punti:  Cerci,

15 punti:   Moretti, 

11 punti:  Immobile

10 punti:  Padelli, Glik, Darmian,

4 punti:     Basha, Maksimovic,

1 punto:   Vives, Meggiorini, 

0 punti:   Gomis, Tachtsidis, Bovo, 

-1 punto:  Masiello,

- 3 punti:  Larrondo, Rodriguez,

-4 punti:  Gazzi, Farnerud, El Kaddouri, Kurtic,

- 5 punti: Pasquale,

- 6 punti: Barreto.