Sanremese, Varesio: "Al Toro è arrivato un giovane talento dalle nostre giovanili"

21.04.2019 12:28 di Marina Beccuti Twitter:    Vedi letture
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
Sanremese, Varesio: "Al Toro è arrivato un giovane talento dalle nostre giovanili"

Fabio Varesio

Un paio di settimane fa Sanremo ha dedicato una via al Grande Torino, merito del TC Sanremo, ma anche di un allenatore delle giovanili della Sanremese che segue i ragazzi del 2002, ed è ovviamente tifoso del Toro.

“Siamo sicuramente contenti di aver ottenuto una via dedicata agli Invincibili. A dire il vero ha fatto tutto il presidente del club, Fabio Maiano, che si è prodigato di fare da intermediario presso il Comune, per ottenere tutti i permessi”.

Non avete mai pensato, come Sanremese, di entrare nell’Academy del Torino, anche se da qualche giorno gira voce che la Sanremese farà accordi con il settore giovanile dell’Atalanta?: “Sulla squadra di Bergamo non so nulla, perché è compito della società occuparsi di queste cose. Tuttavia non mi dispiacerebbe che la Sanremese entrasse nell’Academy granata, da tifoso del Toro. Comunque dalle nostre giovanili è arrivato al Torino nell’inverno scorso l’attaccante Ernald Sina, albanese di 17 anni, il quale sembra promettere molto”.  

La Sanremese ha buone prospettive per il futuro: “Sì, siamo ambiziosi e abbiamo la volontà di investire per fare dei campionati importanti. Magari salire di categoria (adesso il club ligure è in serie D)”.

Il capoluogo sabaudo ci ha messo parecchi anni prima di avere una strada dedicata al Grande Torino, così c’è molta burocrazia per intitolare dei giardini a Valentino Mazzola: “E’ vero, fuori è diverso, in effetti anche in Liguria ci sono molti impianti dedicati ai campioni di Superga, come a Vado, patria di Valerio Bacigalupo”.

Sarà che a Torino c’è un’altra squadra che forse cerca di oscurare il Torino? “Può essere…”, e lo dice sorridendo. Un sorriso amaro, anche se è risaputo che, nonostante tutto, i granata hanno sempre combattuto per ottenere qualcosa ma ce l’hanno sempre fatta.