ESCLUSIVA TG – Jacobelli: “Altri rinforzi di livello arriveranno al Torino, mi stupirei se non accadesse”

 di Elena Rossin  articolo letto 11051 volte
Fonte: Elena Rossin
ESCLUSIVA TG – Jacobelli: “Altri rinforzi di livello arriveranno al Torino, mi stupirei se non accadesse”

Xavier Jacobelli è stato intervistato in esclusiva per TorinoGranata.it. Jacobelli è un giornalista ed è direttore editoriale di corrieredellosport.it, tuttosport.com, guerinsportivo.it, autosprint.it, motosprint.it, inmoto.it, inauto.it, editorialista dell’edizione cartacea del Corriere dello Sport-Stadio e opinionista in trasmissioni televisive. Con lui abbiamo parlato del mercato del Torino.

Il mercato del Torino sembrava in stallo, poi, ieri l’annuncio del difensore N’Koulou, ma mancano ancora un centrocampista e un attaccante. Arriveranno?

“Siamo al sei di agosto e il mercato finirà il trentuno, quindi, la cronaca di questi anni c’insegna che tutto può accadere. Penso che Mihajlovic sarà accontentato perché vanno colmate le lacune rimaste a centrocampo e in attacco. Comunque la cosa importante per il Toro è che rimanga Belotti perché questa è la conditio sine qua non per disputare una stagione ambiziosa. Ho visto che Cairo a ogni piè sospinto non perde l’occasione per ribadirne l’incedibilità e questa, secondo me, è già una buona notizia per i tifosi granata. Sappiamo benissimo quanto, per esempio, Belotti interessi al Milan”.

A proposito di N’Koulou, è il difensore che serve al Torino?

“Eccome se serve! E’ un grande colpo perché è un giocatore d’esperienza internazionale che prima del Lione ha militato nel Marsiglia e nel Monaco. In passato era stato seguito da Juventus e Inter. E’ un “Leone Indomabile”, infatti, ha collezionato 72 presenze e fatto un gol con la Nazionale del Camerun. Coniuga potenza fisica, velocità e agonismo. Ha vinto la Coppa D’Africa nel 2017 segnando un gol nella finale con l’Egitto”.

Con l’arrivo del difensore camerunense i rinforzi per il reparto si possono dire conclusi o potrebbe arrivare ancora qualcun altro?

“Non escluderei che potrebbe arrivare ancora un altro difensore”. 

Cairo quando ha firmato il contratto d’affitto del Filadelfia ha detto che il Torino sta cercando giocatori di secondo piano, ma, ad esempio, Zapata come può essere considerato un non titolare?

“Non ci sono dubbi che Zapata debba essere considerato un titolare, basta vedere che cosa ha fatto l’anno scorso nell’Udinese: una stagione eccellente. La possibile destinazione granata sarebbe indubbiamente alla sua altezza. Allargando il discorso, Sirigu, secondo me, sarà uno degli acquisti più azzeccati perché porta esperienza, prestigio, voglia di riprendersi la ribalta, dopo l’ultima stagione caratterizzata dall’interruzione del rapporto con il Paris Saint Germain e dal prestito in Spagna. Non dimentichiamoci che è un grande portiere e che fino a due stagioni fa era titolare nel club francese. Sirigu è veramente un ottimo acquisto”.

Se si va dietro alle parole di Cairo non arriveranno giocatori di primo piano. Strategia o verità?

“Non bisogna andare troppo dietro alle parole degli operatori di mercato perché interpretano il ruolo delle parti. La riprova è che ha appena preso N’Koulou, che è un grande giocatore, facendo un grande colpo. D’altra parte se Cairo dicesse che è interessato a un determinato giocatore immediatamente il prezzo del suo cartellino salirebbe, è un gioco delle parti. Sono assolutamente convinto che con la conferma di Mihajlovic, che avrà chiesto e ottenuto precise garanzie, i rinforzi di livello arriveranno. Mi stupirei se non accadesse”.

Dando per scontato che i rinforzi di livello arriveranno e tenendo conto di cosa stanno facendo le altre società, il Torino può lottare per l’Europa League?

“Certo, ma dipenderà dagli ulteriori rinforzi che arriveranno. Mihajlovic è stato molto chiaro al riguardo e non credo che parta per accontentarsi di un campionato di piccolo o medio cabotaggio, ma parte per disputare un campionato da protagonista e, quindi, sono convinto oggi, che è il sei d’agosto, che arriveranno giocatori da Toro. Non dimentichiamo che gli affari migliori si fanno nell’ultima decade del mese, quando si avvicina il gong che sancisce la fine del calciomercato”.